Monumento di Settimia Spica

D'Arco Carlo; Lanzani Antonio

Monumento di Settimia Spica

Descrizione

Identificazione: MONUMENTO FUNEBRE

Autore: D'Arco Carlo (1799/ 1872), disegnatore; Lanzani Antonio (1805/ notizie 1820-1840), incisore

Cronologia: post 1830 - ante 1837

Oggetto: stampa

Soggetto: archeologia

Materia e tecnica: acquatinta

Misure: 210 mm. x 145 mm. (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: La stampa fa parte di un gruppo di cinquantatre acquatinte non pił in volume riferite all'opera in tre volumi "Museo della Reale Accademia di Mantova" a cura dell'archeologo bresciano Giovanni Labus, edita a Mantova da Carlo D'Arco e dai Fratelli Negretti (stampa Tip. Virgiliana L. Caranenti, Mantova 1830, vol. I; tipografia di Omobono Manini di Milano, 1833 vol. II; 1834 vol. III . Il I vol. é senza autore). Il confronto con i volumi conservati nella Biblioteca Comunale di Mantova porta a riferire le stampe in esame alle uscite del 1830 (I volume), del 1833 (II volume) e del 1834 (III volume): ci sembra da escludere, invece, la loro appartenenza all'edizione del 1837 (stessi editori, stampa O. Manini di Milano, 3 v.), caratterizzata da acquatinte con un fondo particolarmente scuro, diverso da quello dei fogli del nostro gruppo.
I disegni forniti per la pubblicazione furono eseguiti dal conte Carlo D'arco, grande estimatore del valore storico-artistico della raccolta antiquaria costituitasi in seno all'Accademia di Pittura, Scultura ed Architettura nel cosiddetto Palazzo degli Studi a partire dalla seconda metą del secolo XVIII. D'Arco sarą anche convinto promotore della nascita del Museo Patrio o Civico di Mantova, che verrą inaugurato nel 1852 nella sale del Palazzo Accademico; le sorti del Museo Antiquario collocato nel Palazzo degli Studi, ceduto in proprietą dal governo al Comune di Mantova nel 1880, saranno le stesse del Museo Patrio: dopo la convenzione del 1915 tra Stato e Comune, infatti, entrambe le raccolte troveranno collocazione in Palazzo Ducale, dove tuttora gran parte dei pezzi qui illustrati si trovano.
L'acquatinta rappresenta un monumento o cippo sepolcrale, mostrato nei due lati e nella faccia frontale: sui primi, figure di giocolieri con palle; sulla parte frontale il ritratto di una bambina entro una nicchia quadrata e, sottostante, l'immagine di un coniglio in altorilievo. Il monumento, di etą romana, é dedicato a Settimia Spica.

Collocazione

Mantova (MN), Museo della Cittą

Credits

Compilatore: Marocchi, G. (2008)

Funzionario responsabile: Benetti, S.

Ultima modifica scheda: 08/01/2018

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)