Case per artisti - complesso

Ossuccio (CO)

Indirizzo: Sentiero degli artisti (Fuori dal centro abitato, isolato) - Isola Comacina, Ossuccio (CO)

Tipologia generale: architettura per la residenza, il terziario e i servizi

Tipologia specifica: villa

Configurazione strutturale: Tre edifici di forma rettangolare con muratura perimetrale in pietra; copertura a tetto semplice a falde con impluvio centrale.

Epoca di costruzione: 1933 - 1940

Autori: Lingeri, Pietro, progetto

Comprende

Descrizione

Nel 1938 si concretizza almeno parzialmente il piano concordato tra Rino Valdameri, presidente dell'Accademia di Brera, ed il ministro Bottai, con la costruzione di tre case-studio. Nell'elaborazione delle soluzioni di progetto, Pietro Lingeri attinge al modello della casa per vacanze di Le Corbusier, costruita nel 1935 a La Palmyre-Les Mathes (Charente-Maritime), localitÓ sulla costa atlantica.
Le case dell'isola, pi¨ piccole del modello francese, si sviluppano su doppia altezza, dividendo funzionalmente lo spazio tra l'abitazione e lo studio. Quest'ultimo, su due piani, Ŕ caratterizzato al livello superiore da una lunga finestra a tutta altezza, con le imposte a sezioni staccate per controllare gradualmente l'illuminazione naturale. Una porzione pi¨ ridotta, aperta su un porticato, Ŕ destinata all'abitazione, con la sala da pranzo e la cucina a pian terreno, camera da letto, bagno e balconata al piano superiore.
Condizionato dalle restrizioni autarchiche al volgere degli anni Quaranta, Lingeri elabora un'ampia serie di disegni prospettici, con soluzioni volta a volta diverse e caratterizzate specificamente dalla integrazione degli elementi della stagione razionalista con i materiali tipici del luogo, pietra e legno su tutto.
Le murature sono in pietra di Moltrasio, localitÓ del lago, in copertura sono posate lastre di ardesia. I tagli che si aprono dagli studi verso nord sono chiusi con specchiature in vetrocemento.
All'interno i pavimenti, le scalette e gli infissi sono realizzati in castagno.
La contenuta dimensione delle case induce Lingeri a prevedere sistemazioni degli interni improntate alla massima funzionalitÓ; le soluzioni adottate generano dinamiche percettive che coinvolgono l'architettura ed integrano gli arredi in uno spazio totale.
Felice il rapporto dei fabbricati con l'intorno, perfettamente inseriti nel contesto naturalistico dell'isola, non solo per le ridotte dimensioni, o per i materiali utilizzati, ma anche per la tipologia, in tutto rispondente all'obiettivo di coinvolgere la natura nel vissuto dello spazio interno.
Da tempo ormai l'utilizzo discontinuo e parziale delle tre casette ne ha minato la conservazione. Sulla base di un programma di conoscenza e valorizzazione delle specifiche valenze territoriali, la regione Lombardia interviene oggi con fondi mirati ad interventi e studi sul comprensorio.

Notizie storiche

Augusto Giuseppe Caprani lasci˛ nel 1917 l'isola Comacina, sul lago di Como, al re Alberto I del Belgio che, solo tre anni dopo, la don˛ allo stato italiano. Grazie all'interessamento di Giovanni Beltrami, allora presidente dell'Accademia di Belle Arti di Brera, il possedimento fu affidato alla istituzione milanese con l'impegno a realizzarvi una colonia di vacanze per artisti italiani e belgi.
Nel 1921 fu bandito un concorso per un piano regolatore dell'isola; fra i requisiti illustrati, abitazioni da destinare ad artisti, una sede amministrativa idonea a divenire galleria per mostre d'arte industriale, riunioni e ricevimenti, ed un piccolo ristorante con albergo.
Cinque anni pi¨ tardi, dal governo belga arriv˛ l'offerta alla costruzione di cinque villini, due dei quali per due anni a disposizione di due artisti italiani. Sollecitato l'"orgoglio nazionale", il ministro italiano declin˛ cortesemente l'offerta demandando all'Accademia la predisposizione di un progetto al quale far seguire un piano finanziario. Affidato l'incarico nel 1926 a Moretti, questi elabor˛ un piano alquanto schematico, ripreso ed approfondito l'anno successivo dallo stesso architetto con Frigerio e Caneva. Il progetto fu avviato con le opere preliminari, di "urbanizzazione" , alle quali presiedette lo stesso Moretti. Nel 1933 si afferm˛ probabilmente l'intenzione di affidare a Lingeri il compito di elaborare un progetto pi¨ semplice ed economico. Il progetto, da poco avviato, dovette sembrare giÓ datato alla luce del generale riconoscimento goduto da Lingeri per le sue contemporanee opere a Bolvedro e a Portezza di Tremezzo.
Accompagnato da un rappresentante dell'Accademia di Brera, Lingeri si reca nel 1933 sull'isola per effettuare i primi rilievi, assieme all'ingegner Cerutti ed al geometra Cavadini.
Una planimetria dell'isola illustra un sistema di undici casette dal medesimo impianto, un albergo al centro dell'isola con annesso campo per il tennis ed una spiaggia con cabine. Il rigoroso riferimento all'asse eliotermico e l'omogenea distribuzione sull'isola caratterizzano l'intero sistema, diversamente da quanto previsto nella proposta di Moretti e Caneva. Inizialmente si pens˛ alla costruzione del solo albergo e di una casetta, ma i problemi legati al finanziamento dell'opera impedirono l'esecuzione.
Nel 1935 Rino Valdameri, presidente dell'Accademia di Brera da qualche mese, presenta a Mussolini il progetto della nuova sede assieme ai progettisti. In quella occasione sarÓ il duce in persona a riflettere sul destino dell'isola Comacina, che potrÓ diventare un ideale rifugio per artisti italiani e stranieri. Valdameri farÓ valere l'approvazione del duce, riuscendo a sbloccare l'erogazione dei finanziamenti e a concretizzare l'operazione.

Uso attuale: intero bene: abitazione/studio

Uso storico: intero bene: abitazione/studio

Condizione giuridica: proprietÓ mista pubblica/privata

Riferimenti bibliografici

Italia, L'Italia, Una bella iniziativa che si realizza. Come saranno gli edifici dell'Isola Comacina, 1933/11/16

Lanfranconi F., La Provincia di Como, A proposito dell'Isola Comacina. Le imminenti realizzazioni, 1933

Borghi M., L'isola Comacina e l'Accademia di Belle Arti di Brera, Milano 1948

Cavadini L., Il Razionalismo Lariano. Como, 1926-1944, Milano 1989, pp. 80-81

Lingeri E./ Spinelli L., Pietro Lingeri 1894-1968. La figura e l'opera (Atti della giornata di studio), 1995

Contessi G., Pietro Lingeri 1894-1968. La figura e l'opera (Atti della giornata di studio), Le case per artisti sull'Isola Comacina, 1995, pp. 57-60

Spinelli L., AL Mensile di informazione degli Architetti Lombardi, Pietro Lingeri sul lago di Como, Milano 2001, p. 48

Sommella Grossi M., Do.co.mo.mo. Italia giornale, Abitare sull'Isola Comacina, 2002, pp. 12-13

Intorno Isola, Intorno all'Isola, Atti del Convegno di presentazione del progetto di Sistema Integrato del Distretto dell'Isola Comacina, Como 2002

Baglione C./ Susani E., Pietro Lingeri 1894 1968, Milano 2004, pp. 198-207

Cavadini L., Architettura razionalista nel territorio comasco, Como 2004, pp. 30-31

Fonti e Documenti

Archivio Pietro Lingeri, Progetti, Tre case per artisti dell'Accademia di Brera, Disegni. Cassettiera

Archivio Pietro Lingeri, Progetti, Tre case per artisti dell'Accademia di Brera, Riproduzioni. Scatola: case Isola Comacina 1933

Archivio Centrale dello Stato, Ministero della Pubblica Istruzione, AntichitÓ e Belle Arti, Div. II, 1940-45, b. 46

Archivio Accademia di Brera, Milano, Carpi B III 9-10, Carpi E II 24, Carpi C V 28-29

Percorsi tematici:

Collegamenti

Credits

Compilazione: Garnerone, Daniele (2004)

Aggiornamento: Leoni, Marco (2014)

Descrizione e notizie storiche: Garnerone, Daniele

Fotografie: BAMS photo Rodella/ Jaca Book; Leoni, Marco

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)