Oratorio di S. Maria Assunta

Livraga (LO)

Indirizzo: Frazione San Lazzaro (Nel centro abitato, integrato con altri edifici) - San Lazzaro, Livraga (LO)

Tipologia generale: architettura religiosa e rituale

Tipologia specifica: oratorio

Configurazione strutturale: Edificio a pianta rettangolare; navata unica con stretta navatella laterale; terminazione absidale a rettangolo a trapezio. Edificio in muratura di mattoni a vista con pilastri in aggetto esterno in corrispondenza della facciata e dell'innesto dell'abside. Facciata a capanna con prolungamento sulla navatella laterale. Navata: muri perimetrali in laterizio intonacato internamente; copertura a botte ribassata (a vagone) decorata. Abside separata dalla navata centrale per mezzo di un arco a tutto sesto: muri perimetrali in laterizio intonacato internamente; copertura a botte ribassata. Navatella laterale: muri perimetrali in laterizio intonacato internamente; copertura a botte ribassata. Campanile in ferro.

Uso attuale: intero bene: oratorio

Uso storico: intero bene: oratorio

Condizione giuridica: proprietÓ privata

Riferimenti bibliografici

Agnelli G., Lodi ed il suo territorio nella storia, nella geografia e nell'arte, Lodi 1917, p. 775

Albertini L., Memoria della vita della comunitÓ in La chiesa di S. Bassiano a Livraga, Soresina 1998, p. 86 fig. p. 86

strada campi, Una strada nei campi. Livraga e il suo territorio, la sua gente, la sua storia, Lodi 1990, p. 103 fig. p. 103

Fonti e Documenti

Archivio di Stato di Milano, Mappe Carlo VI, Cassina de' Granati, 1723, cart. 3091, f. 5

ASDLo, Livraga, cart.1 IX/16, Oratori, S. Lazzaro, 1744.

ASDLo, fasc. 1 Livraga, 1, IX/16, Chiesa Parrocchiale, notificazione del 31 luglio 1794

Credits

Compilazione: Dionisio, Agnese (2000)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).