‹ precedente | 3 di 3 | successivo ›

Torre campanaria di S. Michele

Gavirate (VA)

Indirizzo: Via San Michele - Voltorre, Gavirate (VA)

Tipologia generale: architettura religiosa e rituale

Tipologia specifica: campanile

Configurazione strutturale: La torre campanaria, ubicata a nord del chiostro, ha una base quadrangolare ed Ŕ composta da una massiccia struttura muraria scandita da pietre angolari nella quale si aprono alcune feritoie e monofore. La parte superiore della torre Ŕ costituita da un'ampia cella campanaria

Epoca di costruzione: seconda metÓ sec. XII

Uso attuale: intero bene: non utilizzato

Uso storico: intero bene: campanile

Condizione giuridica: proprietÓ Ente religioso cattolico

Riferimenti bibliografici

Ghiringhelli G., Rivista archeologica dell'antica provincia e diocesi di Como, Il chiostro di Voltorre. La sua storia, la sua arte attraverso i secoli, 1908, pp. 97-158

Porter A.K., Lombard Architecture, New Haven 1917

Pecorella C., Archivio storico lombardo, Ricerche sul priorato di Voltorre, 1957, pp. 290-316

Finocchi A., Architettura romanica nel territorio di Varese, Milano 1966

Voltorre. Una proposta di recupero, Varese 1989

Lucioni A./ Viotto P., L'anima e le pietre. La storia secolare del chiostro di Voltorre, Gavirate 1999

Gavirate. Luoghi e genti di una storia in riva al lago, Gavirate 2004

Borroni L., Acme, San Michele a Voltorre. L'architettura di un chiostro medievale alla svolta del 1200, 2006, pp. 261-282

Schiavi L.C., Lombardia Romanica. Paesaggi monumentali, San Michele a Voltorre, Milano 2011, pp. 85-87

Schiavi L.C., Storia dell'arte a Varese e nel suo territorio, Episodi di scultura dall'Alto Medioevo alla fine dell'etÓ romanica, Varese 2011, 1, pp. 106-131

Credits

Compilazione: Leoni, Marco (2013)

Fotografie: Leoni, Marco

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).