Tiziano Diocesano: un’opera del maestro in visita da Napoli a Milano

 

 

Tiziano Vecellio, Annunciazione, 1557 circa, Napoli, Museo nazionale di Capodimonte

 

L’Annunciazione di Tiziano Vecellio (1490-1576) è il Capolavoro per Milano 2021, iniziativa del museo Diocesano giunta alla sua XIII edizione che, come di consuetudine, accompagna i visitatori per tutto il periodo natalizio.

La grande tela (280×193 cm), opera della piena maturità del maestro veneto, caratterizzata dalla vibrante ricerca luministica, proviene dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli, in deposito dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli, patrimonio del Fondo Edifici di Culto amministrato dal Ministero dell’Interno.

L’opera è stata eseguita attorno al 1558 per la famiglia Pinelli, banchieri e mercanti di origine genovese trasferitisi a Napoli, per la loro cappella nel transetto della chiesa, dedicata alla Vergine Annunciata nel 1575 da Cosimo Pinelli. Firmata “Titianus f” sull’inginocchiatoio, l’Annunciazione costituisce uno dei capisaldi della maturità dell’artista e rappresenta un raro episodio di pittura veneta nella Napoli del Cinquecento.

La tela rivela i più alti raggiungimenti del Tiziano maturo evidenti negli straordinari effetti luministici, in particolare nelle scintillanti vesti nell’angelo, in damasco rosa e argenteo, intessuto di fili d’oro, nella resa dei bagliori che intridono la materia pittorica e nella libertà della composizione. Lo spazio è dominato da una sola presenza architettonica, l’imponente colonna alle spalle della Vergine, mentre sullo sfondo, a sinistra, si apre uno scorcio con un paesaggio autunnale, con toni di marrone e rosso che spiccano sull’azzurro del cielo. La Vergine si raccoglie umilmente con le braccia incrociate sul petto, mentre l’angelo la raggiunge con un gesto dinamico e dal cielo scende un fascio di luce contornato da un turbinio di angeli.

L’Annunciazione di Tiziano Vecellio (1490-1576) è il Capolavoro per Milano 2021, iniziativa giunta alla sua XIII edizione che, come di consuetudine, accompagna i visitatori per tutto il periodo natalizio.

La grande tela (280×193 cm), opera della piena maturità del maestro veneto, caratterizzata dalla vibrante ricerca luministica, proviene dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli, in deposito dalla chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli, patrimonio del Fondo Edifici di Culto amministrato dal Ministero dell’Interno.
L’opera è stata eseguita attorno al 1558 per la famiglia Pinelli, banchieri e mercanti di origine genovese trasferitisi a Napoli, per la loro cappella nel transetto della chiesa, dedicata alla Vergine Annunciata nel 1575 da Cosimo Pinelli. Firmata “Titianus f” sull’inginocchiatoio, l’Annunciazione costituisce uno dei capisaldi della maturità dell’artista e rappresenta un raro episodio di pittura veneta nella Napoli del Cinquecento. La tela rivela i più alti raggiungimenti del Tiziano maturo evidenti negli straordinari effetti luministici, in particolare nelle scintillanti vesti nell’angelo, in damasco rosa e argenteo, intessuto di fili d’oro, nella resa dei bagliori che intridono la materia pittorica e nella libertà della composizione.

Museo Diocesano Carlo Maria Martini , Corso di Porta Ticinese, 95 – Milano

In LombardiaBeniCulturali troviamo alcune opere di Tiziano e della sua scuola conservate in Lombardia, sia come dipinti che come stampe, e molte fotografie di sue opere in Italia e all’estero.

 

Madonna con Bambino

Tiziano Vecellio, Madonna con Bambino, ca. 1507, Bergamo, Accademia Carrara – Museo

 

Orfeo ed Euridice

Tiziano Vecellio, Orfeo ed Euridice, ca. 1512, Bergamo, Accademia Carrara – Museo

 

Annunciazione

Vico Enea (1523/ 1567), incisore; Vecellio Tiziano (1488-1490/ 1576), inventore, Annunciazione, 1548, Bergamo,  Accademia Carrara. Gabinetto Disegni e Stampe

 

Ritratto di Giulio Romano

Tiziano Vecellio, Ritratto di Giulio Romano, ca. 1536, Mantova, Museo Civico di Palazzo Te

 

Tiziano Vecellio, Uomo con armatura, 1525 – 1549, Milano, Pinacoteca Ambrosiana

 

RITRATTO DI DOGE MARCANTONIO TREVISAN

Tiziano Vecellio, Ritratto di doge Marcantonio Trevisan, 1525 – ante 1549, Milano, Pinacoteca Ambrosiana

 

Ritratto dell'ambasciatore Gabriel de Luetz Monseigneur d'Aramon

Tiziano Vecellio, Ritratto dell’ambasciatore Gabriel de Luetz Monseigneur d’Aramon, 1541 – 1543, Milano, Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Pinacoteca del Castello Sforzesco

Tag: , ,

Pubblicato: 23 novembre 2021 [Roberto Monelli]