Archivio del Comune di Bormio, Quaterni consiliorum sorte estiva 1600 2 luglio 11 ottobre 1600

Persone
Giuliano di Toni Giuliani di Isolaccia

Mastro Adamo Ferrari Paini di Pedenosso Ŕ condannato al pagamento di 10 lire imperiali per aver ingiuriato Giuliano di Toni Giuliani di Isolaccia, dicendogli di appartenere a una discendenza di stregoni. Citato in consiglio, Antonio Paini revoca quanto ha detto contro l'onore di Giuliano.

1600. (a) Die sabbathi undecima mensis octobris.

Per magnificum consilium Burmii ordinatum fuit quod …

[…] Item quod magister Adamus Ferrarius de Pedenosso sit condemnatus in libris 10 quia dixit che Giulian de Isolazza Ŕ de raza de strion, ut in processu legitur, ulterius que teneatur revocare seu manutenere secundum Statutum Burmii, et hoc ultra mercedem prosessandi que infert libras 10 imperiales etc.

Sequuntur securitas omnes etc.

[…] 1600. Die secundo mensis julii.

Julianus Tonii Juliani de Isolatia dedit sequuritatem manutenendi pacem etc. contra Adamum Paynum (1) de Pedenosso. Sequritas pro dicto Juliano fuit dominus Johannes Baptista Folianus obligando etc. Sequuritas pro dicto Adamo contra dictum Julianum fuit ser Johannes Franciscus Folianus, obligando etc.

(a) Nell'originale in numerazione romana: mdc.

(1) Antico soprannome che sopravvive a Pedenosso, probabilmente da un appellativo comune non pi¨ attestato in alta valle paýn "contadino", da mettere in relazione con l'it. sett. ant. paýn "contadino", ver. paýn "contadino", dal lat. tardo *paginus "abitante del pago, contadino" (REW 6148; DEI 4, 2723: patavinus "padovano" in senso spregiativo), com. painÓgh "contadino; lazzarone", painagˇn "villanzone; lazzarone" (Monti 268), mil. painÓrd "villano, rude".