Lombardia Beni Culturali
13

Breve investiture

1187 maggio, 3 o 10 o 17 o 24 o 31, domenica, Brescia.

Magister Mauro, chierico della chiesa di S. Brigida di Brescia, e il chierico Giacomo, suo confratello, alla presenza e con il consenso dei vicini di Porta Matulphi, investono Zanefollo de Castellonovo di un appezzamento di terra di proprietà della chiesa di S. Brigida, sito nel territorio di Verziano e coltivato dagli uomini de Castellonovo (Castelmella), che misura sei piò, dietro corresponsione del canone annuo consistente in due mine di miglio e due di frumento, da consegnare il giorno di s. Michele o entro gli otto giorni successivi agli ufficiali della chiesa di S. Brigida, presso la chiesa stessa.

Originale, ASVat, Fondo Veneto, I, n. 3867 (S. Brigida, n. 11) [A]. Regesto sec. XX, ASVat, Fondo Veneto, I, Blocchetto III/17, S. Brigida, n. 11.
Sul verso annotazione di mano del sec. XV, pare mano A del quattrocentesco Liber posescionum, parzialmente coperta dal timbro della segnatura moderna: Carta livelli Zanefolli de Ca[stellonovo][[....]]II minalia frumenti et II minalia milii. Q; annotazione di altra mano del sec. XV: Pro Sancta Brigida; segnatura archivistica del sec. XVI: 1187 maii, .12.; altra numerazione, poco leggibile, pare anch'essa del sec. XVI: .11.; segnatura moderna apposta con timbro ad inchiostro: Arch. Can. Nunt. Venet. (segue cancellato S. Petrus in Oliveto) S. Brigida, 11, 3867.

E' probabile che l'appezzamento citato in questo documento sia lo stesso descritto nel quattrocentesco Liber posescionum (ASVat, Fondo Veneto, I, n. 3920), a c. 3r: § Una pecie (così) t(e)re arat(oria), que potest esse VI plodia, iacent(is) in Verziano, in contrata ubi dicitur Ad Sanctam Brigidam, q(ui) coheret a sero via, a meridie Guidinus de Guidotis, a mane et a monte Panizaldus et Zanonus, fratres de Castronovo, in parte et in parte mon(asterium) de Verziano. Carta habet A., anche se sul verso della pergamena non compare, o non è comunque più visibile il signum citato.

(SN) In Christi nomine. Die d(omi)nico de mense madii, in platea sub domo vicinie | Porte Matulphi. Magister Maurus, clericus S(an)c(t)e Brigide, pro se et Iacobo clerico | et co(n)fr(atr)e suo absente, coram vicinis et eorum co(n)silio, quorum nomina subter leguntur, | investivit Zanefollum de Castellonovo, nominative de petia una terre iuris | ecclesie Sancte Brigide, que iacet in territorio V(er)zelliani et colitur per ho(min)es de Castel|novo, quam dicebant fore sex plodia vel circa, tali tenore ut ipse Zane|follus et eius heredes in perpetuum habeant et teneant predictam petiam ter|re ad fictum om(n)i anno, in festivitate s(an)c(t)i Michael(is) vel in octava, redden|dum de bono grano sine fraude quattuor minalia, s(cilicet) duo milii et duo | frumenti. Et adunatum debet ipse vel heredes dare predictum fictum predictis offici|alibus eccl(esi)e Sancte Brigide vel successoribus et trahere ad ecclesiam predictam Sancte Brigide, | dato vel consignato predicto ficto in predicto termino om(n)i anno nulla alia | sup(er)inposita ei fieri d(e)bet. Penam vero inter se ad invicem stipulantes pro|miserunt componere ficti dupli q(ui)cq[ui]s (a) eorum vel suorum heredum seu successorum om(n)ia | ut dictum est non attenderit vel infringere te(m)ptaverit (b). Et pena soluta | maneat hoc breve et investitura firma. Pr(eter)ea Aricus, f(rate)r magistri Iacobi, | promisit Zanefollo per stipulationem q(uo)d Iacobu(m) cl(er)icum predictum faciet habere ra|tu(m) (c) ha(n)c investitura(m) vel illa(m) firmare facta(m) de predicta petia terre; cohe|ret ipsi petie terre a mane Martinonus, a meridie canonici et Malela|velli et Ioh(anne)s de Romagna, a sera strata, a monte heredes Bonacii de Sale | et monasterium de Verzelliano. Actum est hoc anno Domini MC|LXXXVII, indic(tione) quinta, in civitate Brixia , in presentia vicinorum, scilicet d(omi)ni | Tre(n)ti de Mairano et d(omi)ni Inblavati et d(omi)ni Alberti de Bassano et d(omi)ni Plante | et d(omi)ni Saleris et multorum aliorum testium.
(SN) Ego OBERTUS, F(rederici) imp(e)r(atoris) not(arius), interfui et, rog(atus) duo brevia uno | tenore scribere, hoc scripsi.


(a) Lettura incerta; cf. altra investitura rogata dallo stesso notaio in cui, in formula simile, vi è si quis
(b) -i- corretta su -a-
(c) Così A.

Edizione a cura di Valeria Leoni
Codifica a cura di Valeria Leoni

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS