Lombardia Beni Culturali
11

Carta commutationis

1186 [marzo 25, giugno 24, settembre 24], Brescia.

Belenato prete della chiesa di San Desiderio, insieme a Nunziato, Bellino e Salvagno suoi confratelli, dà a Marchesio e Lanfranco figli del fu Alberico di Capriano, viventi secondo la legge longobarda e agenti a nome di Trepinus loro fratello, e a Mafea loro nonna, vivente secondo la legge romana, una terra sita in Brescia in località Serpente, ricevendo in cambio un'altra terra sita in Serpente e la metà pro indiviso di due terre nella medesima località.

Originale, ASBs, ASC, Codice Diplomatico Bresciano, b. 7, n. CXXIV (già BQBs, Codice Diplomatico Bresciano, p. 147 n. 46) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: Carte Cer[penti] (lettere coperte dalla carta del registro a cui le pergamene erano state incollate); di mano del sec. XIII: Car(ta) comutationis in Cerpento.

La pergamena presenta rosicature lungo il margine sinistro, una macchia scura in corrispondenza di rr. 1-3 causata dalla colla utilizzata per rilegare la pergamena al registro con perdita del dettato, diffuse macchie di umidità, piccoli fori e abrasioni in corrispondenza di antiche piegature orizzontali cui è stata sottoposta per la conservazione. L'impiego della colla ha determinato diffusi dilavamenti di inchiostro, maggiormente pronunciati lungo il margine sinistro. Rigatura a secco.
L'indicazione del giorno della settimana - die martis - permette di restringere la datazione alle sole tre giornate di quell'anno in cui il settimo giorno exeunte mense cade di martedì.

+ In Christi nomine, a[nno Domini] .M. centesimo octuagesimo sesto, indict(ione) quarta, die mar|tis .VII. exeun[te][[..........]]b porta filiorum quondam Alberici de Capriano in suburbio Brixie. | Commutatio bone f[idei noxitur esse contra]ctus *ut* vice e(m)ptionis optinet firmitatem, eodemque nexu obli|gat se contraentes. P[lacuit atque con]venit inter presbiterum Belenadum Sancti Desiderii et Nunciatum et Be|linum et Salvagnum fratres eius, nec non et inter Marchesium et Lanfrancum, filios quondam predicti Alberici de | Capriano, et dominam Mafeam aviam eorum, ut in Dei nomine debeant dare commutationis nomine sibi invicem terras | suas unus alii; qui predicti fratres professi sunt lege vive(re) Longobarda (a) et predicta domina Mafea manifesta fuit | ex natione sua lege vivere Romana. Quapropter predictus presbiter per se et per parabolam predictorum fratrum, vice pre|dicte ecclesie, in primis dedit predictis fratribus (b), suo nomine et nomine Trepini fratris eorum et domine Mafee, per | commutationis nomine peciam unam de terra iuris predicte ecclesie et que iacet in territorio Brixie ubi dicitur | Cerpento, cui coeret ei a mane --------, a meridie predicti fratres, a sera via, a monte filii Conradi | de Bagnolo. Quidem atque ad invicem accepit predictus presbiter, nomine predicte ecclesie, a predictis fratribus et domine | Mafee similiter commutationis nomine melioratas res ut lex habet, peciam unam de terra iuris sui | que iacet in predicto loco de Cerpento, cui coeret ei a mane et a monte via, a meridie et a sera terra | predicte ecclesie Sancti Desiderii, et medietatem pro indiviso de duabus peciis de terra iuris sui et que | iacent in predicto loco, quarum una cui coeret ei a mane terra predicte ecclesie, a meridie et a sera via, cui | coeret ei a mane de alia pecia supra totum ----------, a meridie -----------, a sera ---------- | a monte via. Quidem et ad invicem promiser(unt) atque spoponder(unt) (c) se ipsi commutatores, per se et per suos | heredes aut successores, iamdictas res superius traditas ac commutatas accipientibus suisque heredibus aut | successoribus aut cui [dederint] ab omni homine defensare, quod si defende(re) non potuerint aut exinde aliquid | per quodvis ingenium subtraere quesierint, tunc in duplum esadem res superius traditas et commutatas resti|tuere, sicut pro t(em)pore fuerint meliorate aut valuerint sub estimatione in consimilibus locis; et insuper pre|dicti fratres Marchesius et Lanfrancus promiser(unt) per stipulationem predicto presbitero quod facerent predictum fratrem suum | Trepinum habere firmum et ratum omni t(em)pore predictam commutationem sub pena dupli querimonie, | cum stipulatione subnixa. Actum est hoc. Signa (d) manuum supradictorum commutatorum qui has cartas com|mutationis vicisim inter se tradider(unt) et scribere (e) rogaver(unt). Unde due carte in uno tenore scripta (f) sunt.
Signa manuum Milonis (g) Sancti Gervasii et Mascagni de Palazio testium rogatorum.
Ego Scacia not(arius) domini Federici (h) i(m)peratoris interfui et rogatus scripsi.

(a) Su -a segno abbreviativo - lineetta ondulata - superfluo.
(b) -b- corr. su altra lettera, come pare.
(c) A sposponder(unt)
(d) Il signum crucis, che sostituisce si- di signa, è composto da tre tratti verticali ondulati intersecati da due obliqui, qui e oltre.
(e) A sc(ri)pbe(re) con -c- a chiudere sull'asta della successiva p
(f) Così A.
(g) -o- corr. su altra lettera.
(h) Fed- corr. su rasura.

Edizione a cura di Diana Vecchio
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS