Lombardia Beni Culturali
22

Cartula offertionis

1121 dicembre.

Gerardo del fu Vivildo, abitante <a Brescia> in località Arcus, di legge romana, dona per la propria anima e per quella della defunta figlia Bellilda alla chiesa di S. Giovanni de foris un appezzamento di terra, con una casa terranea, sita in Arcus, che gli era pervenuta per ordinatum dalla predetta Bellilda a condizione che ne disponesse, mediante una carta, a favore dell'anzidetta chiesa, riservandosene l'usufrutto finché resterà in vita.

Originale, ASMi, AD, pergg., cart. 74 [A]. Menzione in Synopsis, p. 63 (alla data 1121 dicembre 21), e in Inv. 72, p. 133. Nel verso, di mano del notaio: Car(ta) quam Gerardus filius Vivildi fecit; di mano del sec. XIII-XIV, che si sovrappone ad altra scrittura irrecuperabile anche con la luce di Wood: Carta offersionis facte ecclesie Sancti Iohannis de foris de una pecia | terre cum una domo, iac(ente) in contrata de Arco; l'annotazione è preceduta da + E- (forse inizio di Emptio), vergata dalla solita mano del sec. XV; di mano del sec. XV-XVI: Una domus cum petia terrae in contrata | de Archu; altre annotazioni tarde, fra cui segnatura numerica del sec. XVII: 910; di mano Boeri: Capsula domorum civitatis 5a.

La membrana presenta soltanto un leggero annerimento nella parte superiore e in quella inferiore; sono visibili, nel margine superiore, i forellini della cucitura che univa questa ad altra pergamena. Rigatura a secco.
Indizione di settembre.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatione eius milles|imo centesimo vigesimo primo, mens(e) dece(m)bri, inditione quint|adecima. Ecllesie (a) Sancti Iohannis que (b) dicitur fora ego in Dei nomine Ge|rardus, filius condam Vivildi, abitator loco Arco, qui profesus sum | lege vivere Romana, ofertor atque (c) donator in eadem eccllesiam, quia | quisquis in sanctis ac venerabilibus locis de suis aliquid contulerit rebus, | iusta Octoris vocem, in oc seculo centuplum accipiet et insuper, quod | melius est, vitam (d) possidebit eternam (1). Ideoque ego qui supra Gerar|dus dono et ofero in eadem eccllesia Sancti Iohannis (e) petiam unam de | tera cum casa teranea posita in loco Arco, que fuit iuris condam | Bellilde filie mee, et in me venit per ordinatum (2) a ia(m)dicta fili|a mea, ut ego car(tam) proprietati in ia(m)dicta ecllesia fecisem pro merce|de et remedio anime mee et eius (f); coeret ei: a mane Orabonus | Ballii (g), a meridie via publica percurrit, a sera Paganus Ferarius, a monte | Sancti Iohannis, sibique alie s(int) coerentes; que autem s(upra)s(crip)ta casa terane|a superius nominata et area in qua estat, una cum accesionibus et ingre|soreis eius, qualiter supra l(egitur), inintegrum, in eadem ecllesia a presenti die dono, | cedo, trado, confero, et per presentem car(tam) ofersionis ibidem habendum | confirmo, faciendum exinde servientem ipsius eccllesie aut cui ipsi de|derint quiquid voluerint, sine omni mea meorumque heredum (h) contraditione | vel repetitione (i). Quidem et spondeo atque promitto me ego qui supra Ger|ardum (j), una cum meis heredibus, eidem ecllesie vel cui pars (k) eius dederit, prefatam | casam ab omni omine defensare; quod si defendere non potuerimus, aut si inde | aliquid per quodvix ingenium subtraere quesierimus, tunc in duplum eandem ofer|sionem eidem eccllesie aut cui clerici (l) dederint restituamus, sicut pro t(em)po|re fuerit meliorata aut sub estimatione valuerit in consimili lo|co; et nec m(ih)i qui supra Gerardo liceat ullo t(em)pore nolle quod vollui, s(et)| quod a me semel factum vel conscriptum est, sub iusiurandum inviolabiliter | conservare promitto inconvulsa, cum stipulatione subnixa. + ma|nuum Gerardi, qui hanc (m) car(tam) ofersionis fieri rogavit pro mercede | et remedio anime sue et filie et parentum suorum. + manuum Enrici | et Lanfranci Ballii seu A(m)brosius Arderadi et Adelardus filius Ge|rardi testes. + manuum Albertus de Calino, Ubertus Vivildi, Am|izo de Sancto Gervasii, Romana et Longobarda lege viventes.
(SN) Ego Iohannes rogatus scripsi et interfui. | Tamen ita ut prefatus Gerardus usufruget donec vixerit.


(a) Così A, qui e nelle flessioni.
(b) -e nel sottolineo, in corrispondenza di i depennata.
(c) A q(ue)
(d) -a- corr. da lettera principiata, come pare.
(e) Segue lettera principiata ed espunta.
(f) Segue fecisem erroneamente ripetuto e non depennato.
(g) A Ball, senza segno abbr. (qui e nel caso seguente); segue rasura parziale di et (nota tironiana).
(h) A eh(re)du(m), qui e nelle flessioni.
(i) A repetione
(j) A Ger|rardu(m)
(k) A pas
(l) A clerci
(m) A hacn

(1)Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Michele Ansani
Codifica a cura di Irene Rapisarda

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS