Lombardia Beni Culturali
25

Carta venditionis

1150 gennaio 27, Brescia.

Andrea del fu Seneca, di Nave, di legge romana, dichiara di aver ricevuto da Gerardo Bruniolo, di Brescia, tredici soldi di denari milanesi d'argento, di vecchia moneta, quale prezzo della vendita di un appezzamento di terra arabile di tredici tavole, di sua proprietà, sito in Nave, in luogo detto -----.

Originale, ASVat, FV, I, 1976 (SPO, 15) [A]. Nel verso, di mano coeva: Hec car(ta) eptionis a Gerardo Bruniolo facta; di mano del sec. XII-XIII: § (§ iterato) Anuce mi (così) quomodo nunc intrasti non habens vestem | nupcialem (precede lettera cassata mediante spandimento volontario dell'inchiostro) (Mt. 22, 12), seguono, più in basso, altre parole solo parzialmente leggibili, anche con l'ausilio della luce di Wood, che non consentono di dare ragione del contenuto. Della medesima mano sono visibili inoltre le lettere dell'alfabeto, disposte in sequenza, su due righe; di mano del sec. XIII-XIV: In Navis; segnatura del sec. XVI: 5, 1150 6 feb(rua)rii.

Regesto: GUERRINI, Di alcune chiese, p. 102.
Cf. MENANT, Campagnes, p. 804 (nota 39).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta la rigatura a secco.

(SN) In Christi nomine. Die veneris qui est sexto kalendarum februarii. In civitate Brixia. Anno ab | incarnacione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo quinquagesimo, indic(ione) tercia decima. Constat | me Andream, filium quondam Seneci, de loco Nave, qui professus sum ex nacione mea lege vivere Romana, | accepisse sicuti in presentia testium manifestus sum quod accepi a te Gerardo, filio quondam -----, de ia(m)dicta | civitate, argenti (a) denariorum bonorum Med(iolanensium) veteris monete, tredecim solidos, finito precio, sicuti inter nos | convenit, pro pecia una de terra aratoria, iuris mei, quam habere visus sum in loco Nave, ubi dicitur -----, | et est ipsa pecia per mensur(am) .XIII. tabul(e); cuius coherentie decernuntur: a mane via, a meridie ecclesia Sancti Petri, | a ser(a) Martinus et in parte Lafra(n)cus de Pontecarario, a monte idem Lafra(n)cus; quam autem suprascriptam peciam de terra | iuris mei (b) superius dictam, una cum accessione et ingressu seu cum superioribus et inferioribus suis, qualiter | superius l(egitur), inintegrum, ab hac die tibi cui suprascripto (c) emtori (d), pro suprascripto precio, vendo, trado et mancipio, nulli | alii venditam, donatam, alienatam, obnoxiatam vel traditam nisi tibi, et facias exinde tu et heredes | tui aut cui vos dederitis, iure proprietario nomine, quicquid volueritis, sine (e) omni mea (f) meorumque (g) heredum | contradic(ione). Quidem autem spondeo atque promitto ego qui supra Andrea venditor, una cum meis heredibus, | tibi cui suprascripto Gerardo Bruniolo emptori tuisque heredibus aut cui vos dederitis suprascriptam vendi|cionem, qualiter superius l(egitur), inintegrum, ab omni homine contradicente racionabiliter defensare; quod si defendere | non potuerimus aut si vobis exinde aliquid per quodvis ingenium subtrahere quesierimus, tunc in du|plum eandem vendicionem, ut supra l(egitur), vobis restituamus sicut pro t(em)pore fuerit meliorata aut valuerit (h) | sub extimacione in consimili loco. Actum est hoc sub porticu (i) Sancti (j) Petri (k) in Oliveto. Feliciter. |
Signum + (l) pro i(m)posicione manus suprascripti Andree, qui hanc car(tam) vendicionis fieri rogavere et suprascriptum precium accepere ut s(upra). |
Signum + pro i(m)posicione manuum Iohannis sarcinatoris, Oddonis Martini, Alberti de Brogonago, item Iohannis de Pasci|rano testium. |
(SN) Ego Guido qui et Braciolus notarius rogatus hanc car(tam) scripsi.


(a) r nell'interlineo; -g- corr. da r
(b) mei corr. da nris
(c) Così A, qui e nel caso seguente.
(d) Così A.
(e) -n corr. su altra lettera.
(f) mea nel sopralineo, in corrispondenza di n(ost)ra depennato.
(g) meo- da n(ost)ro mediante aggiunta di -e- nel sopralineo e con il terzo tratto di m- corr. da r
(h) -u- corr. su altra lettera.
(i) A portucu
(j) Precede st depennato.
(k) Petri su rasura.
(l) Signum + è reso, qui e nel caso seguente, mediante una stilizzazione costituita da tre linee dentellate parallele, ad andamento ricurvo, unite trasversalmente da una linea.

Edizione a cura di Mirella Baretta
Codifica a cura di Mirella Baretta

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS