Lombardia Beni Culturali
36

Cartula (breve) investiture

1182 febbraio 13, Brescia.

Prete Oldo, preposito della chiesa di S. Pietro <in> Oliveto, investe in perpetuo Oberto, figlio del fu Ottone Musintrepi di Poncarale, di tutta quella terra, sita in Poncarale, dell'estensione di sedici piò, che aveva ricevuto a titolo di permuta, da Alberico de Capriano, al fitto annuo di una mina di frumento, una di segale e una di orzo, e inoltre di una flora di farro e di una flora fra fave e ceci, da corrispondere a s. Filastro ovvero all'ottava, nonché di due minali di miglio da corrispondere a s. Michele, da consegnare a Brescia, allacaneva della predetta chiesa; da parte loro gli officiali di S. Pietro si impegnano a rifocillare i due uomini che porteranno il fitto, in ambedue le scadenze.

Originale, ASVat, FV, I, 1985 (SPO, 24) [A]. Nel verso, di mano del sec. XIII-XIV: In Poncarali; segnatura del sec. XVI: 2, 1182 13 feb(ruarii); altre annotazioni tarde.


Cf. MENANT, Campagnes, pp. 238 (nota 29), 337 (nota 127), 341 (nota 140), 659 (nota 333).

La pergamena presenta diverse rosicature, di cui la più estesa comprende una parte dell'undicesimo rigo; inolre si notano tre incisioni nel margine inferiore, in senso perpendicolare alla scrittura, che tuttavia non sembrano alludere a un annullamento del negozio.
Rigatura a secco.
La festa di s. Filastro ricorre il 18 luglio.
Sul significato di caneva cf.: SELLA, Glossario, p. 66.

(SN) Die sabbatti decimo tercio intrante mense februarii. Ad Sanctum Petrum Olivetum. Presen|tia Albrici de Oflaga et Iohannis de Botesino et Lazari de Manervio et Ade de Bens | de Pontecarali et Vitalis, conversi Sancti Petri, pre' Oldus, prepositus predictæ ecclesiæ Sancti Petri, | Teutaldo et Martino eius fratribus presentibus et parabolam dantibus, investivit Obertum, filium quon|dam Ot[to]nis Musintrepi, de loco Pontecarali, nominative de tota illa terra quam habuit in | loco Pontecarali ex ca(m)bio quod fecit (1) cum domino Albrico de Capriano, que d(icitu)r esse sedecim plod[ia]. | Eo vero modo fecit illam investituram ut ipse Obertus et sui heredes (a) terram illam habeant | et teneant, interdicta omni alienatione, solvendo omni anno in festo sancti Filastri vel in octava | ex ea terra, officialibus predictæ ecclesiæ, unum minale frumenti et alium minale siliginis et | alterum ordei et unam floram spelte et aliam floram inter fabam et cicer spezutholum, et in festo sancti | M[ic]h[ae]l[is], [ve]l in oct[avam] duo minalia milii, et trahere Brixiam ad canevam predictorum oficialium (b); | et ipsi officiales debent dare comedere duobus hominibus trahentibus predictum fictum in unoquoque | termino; quo soluto et tracto, ut dictum est, ei neque suis heredibus alia superinposita fieri non | debet ex ea terra; penam vero inter se posuerunt ut si quis illorum vel suorum heredum ac successorum omnia, | ut supra legitur, non observaverint, tunc co(m)ponat pars (c) parti fidem servanti supradictum | fictum in duplum, breve manente in suo robore; et insuper predictus prepositus promisit per | se et per suos successores predicto Oberto et suis heredibus predictam terram ab omni homine contradicente | r(ati)onabiliter defendere et warentare sub pena tocius da(m)pni quod ipsi inde haberent. |
Actum est hoc anno Domini .MCLXXX. secundo, indictione .XV. |
Ego Iacobus notarius interfui et rogatus duas cartulas uno tenore scripsi.


(a) A hredes senza segno abbr.
(b) Così A.
(c) Segue pars erroneamente iterato.

(1) Non si è recuperato il doc. relativo.

Edizione a cura di Mirella Baretta
Codifica a cura di Mirella Baretta

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS