Lombardia Beni Culturali
42

Preceptum consulis iustitie

1186 ottobre 19, Brescia.

Baiamondo de Manducaasini, console di giustizia di Brescia, ordina a Lanfranco, erede di Martino Lupi, di rinunciare a favore del preposito <Oldo, della chiesa> di S. Pietro in Oliveto, a tutta la terra <sita nel territorio di Nave, in luogo detto Mora> per la quale percepiva .

Originale, ASVat, FV, I, 1989 (SPO, 28) [A].

Cf. introduzione al doc. 41, che precede sulla medesima pergamena.

In Christi nomine. Die dominico .XIII. exeunte octubr(e). In civitate Brixia, in curte can[onicorum]. | Presentia horum hominum quorum nomina subter l(eguntur), dominus Baiamundus de Manduca[asini, consul]| iusticie Brixie, conscilio sapientum hominum precepit Lanfranco Martini Lupi [[.....]]| ut refutaret totam terram preposito Sancti Petri in Oliveto, de qua receperat ab[[.....]]|ram. Actum est hoc anno Domini .MCLXXXVI., indic(ione) quarta. Interfuer(unt) Manethe[[......]]|gnano, Beuscus, Lazarinus, Teutaldus notarius de Druvolo, Opizo clericus de Calvax[ino]. |
(SN) Ego Conradus notarius interfui et rogatus scripsi.

Edizione a cura di Mirella Baretta
Codifica a cura di Mirella Baretta

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS