Lombardia Beni Culturali
12

Refutatio

1184 agosto 23, Brescia.

Masaria, vedova del fu Giovanni Benedicte, rinuncia in favore di suo figlio Stefanino ogni diritto enfiteutico che le possa competere sulla terra sita in Brescia, della misura di una tavola, che il suo defunto marito teneva in affitto perpetuo dal monastero dei Ss.Cosma e Damiano di Brescia, affinché il detto Stefanino a sua volta vi rinunci in favore di Berta, badessa del detto monastero, e, per suo tramite, in favore del monastero stesso. Egli procede alla detta rinuncia.

Originale, ASMi, AD, pergg., cart. 64 [A]. Regesto del 1714, ASBs, Fondo di Religione, reg. 35, c. 7v. Sul recto, di mano Bonomini: 1184 9 agosto. 1. Primo; di mano D del secolo XVI: Brixie in contrata Sancte Agathe. Nel verso, di mano coeva: Prop[e] Sancte Agathe; di mano del XVI secolo: 15 depennato e 1184. Brixie in contrata Sancte Agathe; di due diverse mani moderne: Agosto 23 e Cosmo e Damiano.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche e sociali, pp. 151, 162 n. 48 (alla data 1194). TROTTI, San Cosma e Damiano, p. 58.

La pergamena è rosicata sul margine inferiore, soprattutto nell'angolo destro, dove ci sono inoltre macchie di umidità, il che rende impossibile la lettura delle ultime righe dell'atto.

(SN) In Christi nomine. Die iovis nono exeunte mense augusti. In claustro monasterii Sanctorum Martyrum Cosme et | Damiani. In presentia presbiteri Dechani et d(omi)narum ipsius monasterii, videlicet d(omi)ne Aimeline et d(omi)ne Monte|narie, aliarumque (a) personarum nomina quorum infra scripta sunt, Masaria, uxor quondam Iohannis Benedicte, Brixiensis civi|tatis, refutavit in manum Stephanini filii sui et in ipsum ren(un)ciavit omnem racionem et actionem iure dotis | vel donationis sive aliter sibi co(m)petentem in terra illa quam dictus vir suus in Brixiensi civitate tenuerat ab eodem | monasterio ad breve perpetuale, ut ibi dicebatur, et ad fictum .XII. d(e)n(ariorum), et de supra quam terram co(m)bust[u]m erat eo anno et in | estate (b) illa hedificium t(em)pore co(m)bustionis hore atque suburbii Sancte Agathes, tali modo ut ia(m)dictus filius suus de|beat hoc refutare in d(omi)nam Bertam, prefati monasterii (c) abbatissam, et per ipsam in eundem monasterium transferre. Et | in presenti predictus Stephaninus, filius quondam Iohannis Benedicte, refutavit in manu suprascripte d(omi)ne Berte, Dei gr(ati)a prefati monasterii | abbatisse , et per ipsam in eundem monasterium, totum ius quod habebat et nominatim illud ius emphyteoticum quod sibi co(m)petebat | in nominata terra, que est (d) per mensuram, ut ibi dicebatur, tabula una, sicuti iacet infra suas coherentias, et sive sit plus terra illa sive | minus quam dictum sit, omnem racionem quam in ea habebat cum omni integritate sub presenti refutatione a(m)plexus est. Et ipsam re|futationem iuravit Stephaninus iure iurando corporaliter prestito perpetuo ratam habere et illibatam custodire ita quod | ad eam a(m)plius regressum non haberet, nec monasterium nec personam aliam qui pro monasterio haberet et teneret a(m)pl[i]us (e)[aliquo in]genio [regre]|diret. Et ita d(omi)ne abatisse stipulanti promisit Stephaninus tacitum et quietum permanere per se [............] [Actum]| in civitate Brixia. A(nno) Domini .MCLXXXIIII., indictione secunda. Interfuere d(omi)nus Berardus Aicarde caus[idicus][............].
Ego Lafrancus cui licet publica instrumenta conficere interfui et rogatus scripsi.


(a) -q(ue) aggiunto successivamente nello spazio fra due parole contigue.
(b) e- corr. da altra lettera, come pare.
(c) -ii corr. da u(m) mediante rasura del segno abbr. e aggiunta di due diacritici, il primo su rasura.
(d) q(ue) e(st) nell'interlinea, con segno d'inserimento.
(e) Lettura e integrazione probabile.

Edizione a cura di Patrizia Merati
Codifica a cura di Patrizia Merati

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS