Lombardia Beni Culturali
4

Carta donationis et offersionis

1193 settembre 12, Lodi.

Il prete Pietro detto de Vachis, canonico della chiesa maggiore di Lodi, di legge romana, alla presenza di Arderico, vescovo di Lodi, e del preposito Martino, dona alla badessa Tarsilla, a nome del monastero di S. Vincenzo, la quarta parte di due moggi di frumento e miglio, pari a due parti pro indiviso del fitto di un appezzamento di terra arabile di trentotto pertiche situato a Lodi Vecchio, disponendo che sua nipote Maximilla, monaca del monastero di S. Giovanni, goda per tutta la vita dell'usufrutto di tali beni, e riceve da Tarsilla quale launechild una croxena.

Originale, ASMi, AD, pergg., cart. 192 [A]. Regesto: Catalogo, IV, fasc. 90.
Sul verso, di mano del notaio, Car(ta) monasterii Sancti Vincentii, la C particolarmente elaborata e ulteriori elaborazioni grafiche al termine dell'annotazione; di mano successiva Mese' Francisco da Meleto, senza alcuna apparente attinenza con il documento; di mano del XVI secolo Donatio facta per presbiterum Petrum de Vachis monasterio Sancti | Vincentii de perticis 38 in Laude Veteri; annotazioni archivistiche moderne a matita e a penna, tra cui data e indicazioni di contenuto seicentesche e la segnatura n. 1, data e regesto settecenteschi.

Buono stato di conservazione. La pergamena era originariamente piegata in due nel senso della scrittura e in quattro nell'altro. Si vedono la rigatura e la marginatura.
La grafia del notaio Alberto Longus presenta in questo documento qualche tendenza cancelleresca (uso di litterae elongatae nel protocollo per Anno, iniziali elaborate, aste ascendenti e discendenti provviste di svolazzi, segni abbreviativi a cappio nel protocollo e nella completio). L'iniziale di Ego nella completio particolarmente elaborata.
Nella parte sinistra sono presenti quattro incisioni dal profilo ondulato, ottenuti mediante due tagli effettuati a pergamena piegata.

(SN) ANNO ab incar(nacione) domini nostri Iesu Christi mill(esim)o cent(esim)o nonag(esim)o tercio, duodecimo die septembris, | indic(ione) duodecima. In presentia domini Arderici, Laudensis episcopi, et domini prepositi Martini Laudensis, presbiter Petrus qui dicitur de Vachis, sancte Laudensis Ecclesie canonicus, reducens ad memoriam illud quod quisquis in sanctis ac | venerabilibus locis ex suis aliquid contulerit rebus, iuxta Actoris vocem, in hoc seculo centuplum | accipiet et insuper, quod melius est, vitam possidebit eternam (1), pro anime sue et omnium fidelium defucto|rum mercede, profitendo se lege vivere Romanorum, fecit donationem inter vivos et ofersi|onem, que ulterius revocari non possit sed semper firma et stabilis permaneat, in monasterio Sancti | Vincentii de Laude, per dominam Tarsillam, eiusdem monasterii tunc abbatissam, videlicet de | quarta parte pro indiviso de modiis duobus blave, videlicet siliginis et milii, quam blavam | ipse presbiter annuatim habebat fictum in duabus partibus pro indiviso de pecia una terre arratorie | que est pertice triginta octo plus minusve que iacet intra civitatem Laude Veterem, | cui est a mane flumen Scelaris, a meridie Sancti Laurentii, a sero via et in parte canonicorum et | ecclesie maioris et episcopatus, a monte via, vel si alie sint choerentie, statuendo ipse presbiter | Petrus quod Maximilla eius neptis, que est monacha Sancti Iohannis, toto tempore vite sue habeat | usufructus (a) omnes suprascripte donationis et ofersionis, et post decessus illius Maximille fa|ciat suprascripta domina abbatissa et eius sorores de ea donatione et ofersione quicquid voluerint, | sine omni suprascripti presbiteri Petri et Maximille et eorum heredum contraditione, manifestando ipse | presbiter quod nulli alii habet suprascriptam donationem et ofersionem venditam, donatam, alienatam, | obnoxiatam vel traditam nisi ei monasterio; et dedit ipse presbiter Petrus eidem abbatis|se vice suprascripte ecclesie Sancti Vincentii omnia sua iura et actiones utiles, directas, reales, | personales et ypothecarias quascumque habebat in suprascripta terra et donatione et ofersione et | contra detinentes de ea terra, et fecit eam procuratricem in rem suam ita ut possit petere, | agere, causari, exigere et excipere, se defendere et tueri omnibus modis et actionibus quibus poterat, | et propterea recepit ab ea launechilde croxena una (b). Ibidem ipse presbiter Petrus promisit et | guadiam dedit ei domine abbatisse, vice et nomine suprascripti monasterii, obligando ei omnia | sua bona pignori, quod defendet ei et dispiliabit suprascriptam donationem et ofersionem ab omni | homine omni tempore, usu et ratione in penam dupli sicut pro tempore fuerit meliorata aut | valuerit sub extimatione in consimili loco.
Actum in Laude. Affuerunt ibi Malfaxadus de Vagerano, Bassianus Blancanus et Bonus|iohannes de Manavo, rogati testes.
(SN) Ego Albertus Longus pallatinus notarius rogatus hanc car(tam) tradidi et scripsi.


(a) Corretto da usuffructus mediante rasura della prima -f-
(b) Segno abbreviativo eraso sulla parola.

(1) Cfr. Matth. 19,29.

Edizione a cura di Ada Grossi
Codifica a cura di Ada Grossi

Informazioni sul sito | Contatti