parrocchia di San Martino 1718 - [1989]

Parrocchia della diocesi di Como. La chiesa di San Martino risalirebbe al 1400. Fu ingrandita poi dal 1620 al 1670. Anticamente filiale della chiesa parrocchiale di Mello, fu separata ed eretta in parrocchia indipendente nel 1718 (Visita Ninguarda 1589-1593, note; Visita Ferrari, Vicariato di Caspano). Tuttavia, la chiesa di San Martino di Val Masino Ŕ attestata ancora alla fine del XVIII secolo come viceparrocchia nel vicariato di Ardenno (Ecclesiae collegiatae 1794).
Il 12 giugno 1780, a seguito dell'erezione, a solo titolo di onore, della chiesa parrocchiale e prepositurale di Sant'Alessandro di Traona in arcipretale e plebana, la parrocchia di San Martino fu unita a essa come plebanato di semplice onore (Visita Ninguarda 1589-1593, note).
Nel 1798 la parrocchia di San Martino comprendeva 154 anime. La sua rendita annuale ammontava a lire 250. Nella parrocchia esisteva una confraternita con un piccolo oratorio (Quesiti Amministrazione Adda e Oglio, 1798).
Nel 1892 la parrocchia di San Martino apparteneva al vicariato di Caspano (Visita Ninguarda 1589-1593, note).
Nel 1893, anno della visita pastorale del vescovo Andrea Ferrari, la rendita netta del beneficio parrocchiale era di lire 70, addizionato a rendite in natura. Entro i confini della parrocchia di San Martino, di nomina popolare, si avevano gli oratori di San Filippo Neri, di proprietÓ della confraternita del Santissimo Sacramento, e l'Oratorio situato ai Bagni dedicato a Maria Vergine Santissima. Nella chiesa parrocchiale di San Martino esisteva la confraternita del Santissimo Sacramento, sia maschile che femminile. Il numero dei parrocchiani era di 290 (Visita Ferrari, Vicariato di Caspano).
Tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo la parrocchia di San Martino dovette passare dal vicariato di Caspano al vicariato di Ardenno. Nel corso del XX secolo, la parrocchia di San Martino rimase sempre compresa nel vicariato foraneo di Ardenno; con decreto 29 gennaio 1968, mediante il quale furono istituite le zone pastorali nella diocesi di Como, fu assegnata alla zona pastorale XII della bassa Valtellina e al vicariato di Traona (decreto 29 gennaio 1968) (Bollettino Ecclesiastico Ufficiale Diocesi di Como 1968). Con decreto 10 aprile 1984 fu inclusa nel vicariato C della Bassa Valtellina (decreto 10 aprile 1984) (Bollettino Ecclesiastico Ufficiale Diocesi di Como 1984).

ultima modifica: 03/03/2004

[ Alessandra Baretta ]