comune di Pizzocorno 1743 - 1797

Con il trattato di Worms del 1743 Pizzocorno pass˛ sotto il dominio di casa Savoia.
La comunitÓ di Pizzocorno (come Pizzo del Corno) Ŕ compresa nell’elenco delle terre e luoghi che hanno mandato un proprio rappresentante in Voghera alla riunione generale per l’elezione della congregazione dei possessori dei beni rurali nella parte del principato di Pavia detta Oltrep˛ nell’anno 1744 (Convocato Oltrep˛, 1744).
Con manifesto camerale del 9 novembre 1770 vengono stabiliti gli uffici di insinuazione, Pizzocorno viene inserito nella tappa di Varzi (tappa insinuazione 1770).
Il 6 giugno 1775 viene approvato il regolamento per “le Amministrazioni de pubblici” ( Amministrazioni de pubblici 1775); pur non avendo reperita specifica documentazione relativa all’ordinamento comunale, si pu˛ ipotizzare che Pizzocorno fosse amministrato da un sindaco e quattro consiglieri componenti il consiglio ordinario.
Nella compartimentazione del 15 settembre 1775 Pizzocorno si trova inserito nel distretto di Voghera (editto 15 settembre 1775) nel manifesto senatorio del 29 agosto 1789 che stabilisce il riparto in tre cantoni della provincia di Voghera, Pizzocorno, viene inserito nel secondo cantone di Varzi (riparto 1789).

ultima modifica: 01/12/2006

[ Valeria Bevilacqua, Cooperativa ArchÚ - Pavia ]