parrocchia di San Patrizio sec. XIV - 1783

Parrocchia della diocesi di Pavia.
La chiesa di San Patrizio attestata fin dall'anno 1151 (Vicini 1996); tra le fonti edite di carattere generale, la parrocchia citata nel 1250 nei documenti concernenti l'estimo pavese del secolo XIII (Soriga 1913-1914); menzionata tra le parrocchie di Porta Marencha nelle Rationes decimarum del 1322-1323 (Chiappa Mauri 1972); compare nei rogiti del cancelliere episcopale Albertolo Griffi degli anni 1370-1420 (Repertorio Griffi); ricordata negli atti della visita pastorale compiuta nel 1460 da Amicus de Fossulanis (Toscani 1969) e successivamente nella visita apostolica di Angelo Peruzzi del 1576 (Bernorio 1971); elencata nel catasto teresiano degli anni 1751-1757.
Nel 1769 il clero risultava composto dal solo parroco (Elenchi clero diocesi di Pavia, 1730-1784).
Verso la fine del XVIII secolo, secondo la nota specifica delle esenzioni prediali a favore delle parrocchie dello stato di Milano, la parrocchia di San Patrizio possedeva fondi per 18 pertiche; il numero delle anime, conteggiato tra la Pasqua del 1779 e quella del 1780, era di 183 (Nota parrocchie Stato di Milano, 1781).
Nel 1783 la parrocchia di San Patrizio fu soppressa e unit alla parrocchia di San Lanfranco (Toscani 1984).

ultima modifica: 03/03/2004

[ Mara Pozzi ]