Scena familiare

Migliara Giovanni

Scena familiare

Descrizione

Autore: Migliara Giovanni (1785/ 1837)

Cronologia: ca. 1830 - ante 1837

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: cartoncino/ acquerello

Misure: 239 mm x 145 mm

Notizie storico-critiche: I particolari architettonici del portico di villa raffigurato rimandano al gusto per il rinascimento lombardo, presente anche in altri disegni e dipinti di Migliara.
L'acquerello, citato insieme ai numeri di inv. 4680 e 4681 nell'inventario del 1853 della collezione Gargantini (Inventario 1853, n. 16), fa parte della produzione tarda di Migliara e il soggetto non rientra nell'ambito della pittura "di genere" nè in quello "alla fiamminga", nel quale il pittore divenne famoso fin dagli anni venti. E' raffigurata infatti una scena di vita moderna, contemporanea, della classe aristocratica o alto-borghese. Lo stile rimanda a influenze inglesi, che sono state motivate ipotizzando la conoscenza da parte di Migliara di stampe inglesi, per esempio di Bonington (Pittaluga 1954). Per lo stile, la tecnica, l'impaginazione della scena, il foglio è vicino ad un altro acquerello (a colori e non monocromo come i tre della collezione Gragantini) firmato e datato 1833, "Fiera di cavalli", già nella collezione Carmen Ferrero di Torino, per il quale Migliara utilizzò alcuni disegni eseguiti dal vero nella piazzetta con la fontana di Modane, durante il viaggio in Savoia e Piemonte compiuto nell'agosto-settembre 1832 (Gozzoli-Rosci 1977, cat. LVI, p.476). Nel 1832 il collezionista torinese Pietro Baldassarre Ferrero epose alla mostra triennale del Valentino il piccolo dipinto a olio "La partenza per la caccia", a noi noto solo dalla riproduzione in Mensi 1937 (tav. LXXV): il soggetto, lo stile e le piccole dimensioni permettono di collegare questo dipinto con l'insieme dei tre acquerelli di Migliara della collezione Gargantini-Lampugnani. I tre acquerelli qui catalogati consentono di ipotizzare la frequentazione da parta di Giuseppe Gargantini delle Esposizioni dell'Accademia di Brera, dove Migliara espose per tutti gli anni venti e fino al 1835 (tranne che nel 1832) con un notevole successo di critica e di pubblico. All'esposizione del 1834 il pittore espose un dipinto intitolato "Ritorno dalla caccia", non noto al Mensi che lo cita come opera di proprietà sconosciuta (Mensi 1937, p. 107, n. 1189).

Collezione: Collezione di disegni di Riccardo Lampugnani del Museo Poldi Pezzoli

Collocazione

Milano (MI), Museo Poldi Pezzoli

Credits

Compilazione: Iato, Valeria (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)