Shojo con bambino

Gyokuhosai Ryuchin

Shojo con bambino

Descrizione

Identificazione: CREATURA FANTASTICA

Autore: Gyokuhosai Ryuchin (seconda metÓ sec. XIX), esecutore

Cronologia: ca. 1875 - ca. 1899

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: avorio tinto; avorio dipinto

Misure: 38 mm. x 25 mm. x 33 mm.

Descrizione: Lo shojo Ŕ avvolto in una foglia di loto che gli fa da abito; nella mano destra tiene una bottiglia e in quella sinistra una tazza; gli arti sono evidentemente di ambito marino, con la pelle squamata e le zampe palmate. Il bambino alle sue spalle lo indica con la mano destra e sembra, per l'espressione del volto, dileggiarlo. I due fori dell'himotoshi si trovano sul lato inferiore.

Notizie storico-critiche: A proposito di un suo pezzo con Asahina Saburo, il Meinetzhagen (Card Index 8) scriveva che "Gyokuhosai Ryuchin was among the most brilliant netsuke carvers of his period, and not surpassed by any in his particolar style of minutely detailed sukishi-bori, and even allowing for the fact that probably less than half of the recorded examples are his authentic work, he must have been a prolific worker, taking in consideration the amount of careful detailed he lavished on his netsuke. His design have originality, the composition of the groups shows fine artistry and feeling, while his techinical skill in face of the difficulties involved in such fine and minute work are beyond criticism. His best pieces are gems of art, the inlaid parts being restrained tho' enterely effective"; ricordava infine che la sua firma si presenta in molte varietÓ, a volte accompagnata da un kao.
Per un altro pezzo di Ryuchin nella collezione Lanfranchi inv. n. 5403.

Collezione: Collezione di netsuke di Giacinto Ubaldo Lanfranchi del Museo Poldi Pezzoli

Collocazione

Milano (MI), Museo Poldi Pezzoli

Credits

Compilazione: Morena, Francesco (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).