Allegoria in memoria di Filippo Sciomachen: verbum caro factum est

Carpi, Aldo

Allegoria in memoria di Filippo Sciomachen: verbum caro factum est

Descrizione

Identificazione: Allegoria in memoria di un benefattore anonimo

Autore: Carpi, Aldo (1886/ 1973)

Cronologia: post 1931 - ante 1933

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 100 cm x 130 cm

Notizie storico-critiche: Il dipinto allegorico, raffigurante un momento di vita ospedaliera, fu affidato dalla Commissione Artistica ad Aldo Carpi il 12 dicembre 1931. lI benefattore in onore del quale doveva essere eseguito il quadro era Filippo Sciomachen, che aveva espresso nel testamento il desiderio di essere ricordato anonimamente. L'opera di Carpi ebbe una lunga preparazione. Dopo un primo sollecito dell'aprile 1932, visto il ritardo nella consegna, la Commissione Artistica preferì compiere un sopralluogo presso lo studio del pittore. In una nota datata al 27 giugno successivo, infatti, il professor Gallavresi assicurava di aver visto il quadro in corso di esecuzione. Carpi presentò l'opera solo il 21 gennaio 1933 all'esame della Commissione Artistica, dalla quale fu invitato a modificare la parte inferiore del dipinto. L'accettazione definitiva avvenne circa due mesi dopo, nella seduta del 14 marzo. L'adesione ai modi novecentisti contraddistingue la composizione di Carpi, nella quale compare in alto la rappresentazione dell'Annunciazione con il motto "Ave Gratia PIena", simbolo dell'Istituto. Il pittore raffigurò nel medico che assiste il malato le fattezze del fratello Umberto (cfr. inv. 820), il che provocò qualche reazione di disappunto tra i membri della Commissione Artistica.

Collocazione

Provincia di Milano

Ente sanitario proprietario: Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Credits

Compilazione: Pola, Francesca (2005)

Aggiornamento: Cassinelli, Daniele (2007); Rebora, Sergio (2007)