Ritratto di Angelo Sconfietti

Menzio Francesco

Ritratto di Angelo Sconfietti

Descrizione

Autore: Menzio Francesco (1899/ 1979)

Cronologia: post 1960 - ante 1961

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 119 cm x 199 cm

Notizie storico-critiche: Laureatosi in Medicina all'Università di Pavia, Angelo Sconfietti esercitò per molti anni la professione presso l'Ospedale Maggiore di Milano, dove nel 1913 conseguì il ruolo di vice primario che mantenne fino al momento del collocamento a riposo, nel 1932. Morì a Milano il 25 agosto 1960, istituendo erede dei suoi beni la Ca' Granda, anche per onorare la memoria della moglie scomparsa molti anni prima. La Commissione Artistica assegnò a Menzio l'incarico di eseguire il ritratto nella seduta del 15 ottobre 1960 e il quadro finito fu accolto nella Quadreria ospedaliera il 18 maggio 1961.
Famoso esponente del gruppo "I Sei di Torino", Francesco Menzio mostra anche in quest'opera della tarda maturità la profonda influenza che su di lui esercitarono le ascetiche raffigurazioni di Modigliani e l'acceso colorismo dei fauves. Il contenuto lirismo di questa composizione, dalle tinte vivaci stese entro precisi contorni lineari, ne fa una delle più mirabili fra quelle del nostro secolo presenti nella Quadreria ospedaliera.

Collocazione

Provincia di Milano

Ente sanitario proprietario: Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Credits

Compilazione: Vianello, Marco (2005)

Aggiornamento: Cassinelli, Daniele (2007); Rebora, Sergio (2007)