Ritratto di Antonio Gargantini

Gualdi Antonio

Ritratto di Antonio Gargantini

Descrizione

Autore: Gualdi Antonio (1796/ 1865)

Cronologia: post 1845

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 134 cm x 209 cm

Notizie storico-critiche: Il ritratto del benefattore Antonio Gargantini fu commissionato al Gualdo dall'Ente ospedaliero su richiesta del nipote, erede ed esecutore delle volontÓ testamentarie del Benefattore e risulta terminato nel 1845.
L'iscrizione sul dipinto che recita: "Per donazione del nipote ed erede Antonio Gargantini" pu˛ trarre in inganno sulla provenienza del ritratto, ma dalle carte d'archivio risulta che la donazione citata si riferisce alla somma di Lire milanesi Ventimila versata dal nipote, con la clausola inderogabile per l'Ospedale di far eseguire ed esporre il ritratto a figura intera dello zio, prassi questa non usuale in quanto il donatore non Ŕ l'effigiato, questa anomalia nella consuetudine port˛ ad una serie di ricorsi alle autoritÓ competenti per far ritirare il ritratto e rendere la somma al donatore, la diatriba fu risolta dall'Amministrazione dell'Ospedale ponendo l'iscrizione che specificava l'anomalia.
Il quadro, consegnato nello stesso anno, venne pagato 850 lire. Eseguito in un momento di piena maturitÓ del Gualdo, variamente attivo in opere da cavalletto e in grandi decorazioni religiose, il quadro sceglie lo schema pi¨ usuale del ritratto ambientato e suggerisce, in particolare, l'abilitÓ di amministratore terriero del benefattore, ponendo nelle sue mani un fascicolo del " Giornale agrario". Antonio Gargantini era anche un intraprendente banchiere.

Collocazione

Milano (MI), Regione Lombardia

Credits

Compilatore: Misserini, Eraldo (2004)

Funzionario responsabile: Galimberti, Paolo M.

Ultima modifica scheda: 18/12/2020