Veduta di Palazzo Arese

Ghisolfi, Giovanni

Veduta di Palazzo Arese

Descrizione

Autore: Ghisolfi, Giovanni (1623-1683), esecutore

Cronologia: ca. 1660

Tipologia: pertinenze decorative

Materia e tecnica: intonaco/ pittura a fresco

Descrizione: La Stanza detta del Castello prende il nome da uno dei quattro grandi dipinti con cornici poligonali che decorano il centro delle pareti, raffiguranti (in senso orario partendo dall'estremitÓ settentrionale): il Palazzo di Cesano Maderno prima della costruzione della loggia, i feudi collocati nel basso Verbano, il Palazzo cesane dopo l'aggiunta della loggia e il Castello Sforzesco di Milano. Tali quadri sono in realtÓ dipinti ad affresco sulle pareti, illusionisticamente appesi con nastri di colore rosso a finti ganci metallici inseriti in un alto fregio sostenuto da colonne ioniche richiniane, caratterizzate da un piccolo festone che unisce le volute del capitello. Questa trabeazione Ŕ decorata con una successione di ricche cornici contenenti paesaggi boschivi con rovine, alternate a peducci ornati da festoni che, a loro volta, sostengono un secondo fregio con decori floreali.

Notizie storico-critiche: La serie di sale al piano nobile che collega lo scalone settentrionale alla zona di rappresentanza, Ŕ costituita da una notevole sequenza di ambienti decorati prevalentemente con finte quadrature architettoniche, in cui agli elementi di sostegno della volta (colonne e pilastri di vari ordini e fogge) si alternano aperture paesistiche e scene di rovine classicheggianti. Tra di esse compare anche la particolarissima soluzione decorativa, probabilmente di origine romana, costituita dai "quadri affrescati", ovvero dalla realizzazione ad affresco sulla parete di finti quadri con cornice che, non Ŕ escluso, un tempo potevano essere accompagnati e affiancati da reali opere d'arte oggi disperse.
Come autore della complessa e articolata scenografica pittorica della "Stanza detta del Castello", la critica suggerisce un artista vicino alla nota dinastia di quadraturisti lombardi dei Mariani, che qui probabilmente lavor˛ su progetto del milanese Giovanni Ghisolfi, formatosi a Roma e attivo in molte sale del piano nobile di Palazzo Arese Borromeo. La data di esecuzione dell'ambiente Ŕ invece suggerita dagli stessi 'quadroni', che collocherebbero gli affreschi cesanesi intorno alla metÓ degli anni sessanta del XVII secolo. La doppia veduta della nobile dimora gentilizia, infatti, mostra due fasi distinte di costruzione del complesso architettonico. Nel primo riquadro Ŕ possibile osservare l'assenza dell'ala orientale caratterizzata dalla Loggia, collocando il dipinto entro il 1660. Il secondo pannello, che rappresenta una veduta del palazzo a volo d'uccello pone in primo piano il fronte dell'edificio prospiciente il giardino, con la caratteristica Loggia a tre arcate e la sopraelevazione del Salone da ballo oggi noto come Sala dei fasti romani, eseguita dopo il 1660. Anche il Castello Sforzesco di Milano si presenta nell'aspetto che possedeva durante la dominazione spagnola, quando l'edificio militar-nobiliare era circondato da una fortificazione a stella a dodici punte, collocando il dipinto in un'epoca successiva al 1656, come si pu˛ arguire dalla presenza di un particolare rinforzo alla struttura costruito entro tale data da Giacomo Prestino.
Pi¨ singolare Ŕ invece la veduta dall'alto del Lago Maggiore e della rocca borromaica d'Angera, riconoscibile per la caratteristica sagoma della fortezza e del borgo. All'estremitÓ sinistra, invece, appare Arona, circondata dai colli su cui si erge il Sacro Monte. L'intero bacino Ŕ caratterizzato da una certa approssimazione prospettica, sebbene sia evidente che la realtÓ geografica sia qui sottomessa ad alcune esigenze iconografico-rappresentative. Questo affresco, infatti, appare fortemente caratterizzato da un preciso impianto simbolico che allude alla feconditÓ della casata borromaica. La presenza, ad esempio, di due cicogne che volano nel cielo, costituisce un evidente richiamo alla dinastia dei Borromeo, che in quegli anni era percorsa da una serie di diatribe interne inerenti le proprietÓ territoriali di Angera ed Arona. Secondo la critica, gli affreschi celano anche una dichiarazione di fedeltÓ della famiglia Arese alla corona spagnola, costituita dall'esaltazione della fortezza verbanese e del castello di Milano, entrambe elementi strategici per la difesa del ducato.

Collocazione

Cesano Maderno (MB), Palazzo Arese Borromeo - complesso

Credits

Compilazione: Uva, Cristina (2015)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).