Annunciazione

Crespi Castoldi, Antonio Maria

Annunciazione

Descrizione

Autore: Crespi Castoldi, Antonio Maria (1580-1630), esecutore

Cronologia: post 1600 - ante 1630

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: tela/ pittura a olio

Misure: 196,5 cm x 162 cm (intero)

Descrizione: La tela, di taglio orizzontale, rappresenta l'Arcangelo Gabriele in ginocchio di fronte a Maria Vergine, secondo il linguaggio dell'iconografia tradizionale. L'Arcangelo Ŕ raffigurato a sinistra, genuflesso con la mano destra alzata in segno benedicente, mentre nella sinistra regge il giglio simbolo di purezza. A destra la Vergine inginocchiata Ŕ colta nel momento della preghiera con il braccio sinistro appoggiato sul libro aperto sull'inginocchiatoio e la mano destra al petto. Il corpo Ŕ frontale e il volto Ŕ girato in ascolto verso l'Arcangelo. Al centro della composizione, in alto tra le nubi, la colomba divina dello Spirito Santo Ŕ dipinta in asse con la figura di Maria mentre a terra Ŕ raffigurata la cesta da lavoro della Madonna. L'illuminazione, che proviene dall'alto, colpisce il volto della Vergine e scolpisce il panneggio della veste angelica e del telo bianco nella cesta. Il fondale Ŕ immerso nell'oscuritÓ.

Notizie storico-critiche: Antonio Maria Crespi Castoldi, detto il Bustino, appartiene a un'attiva famiglia di pittori, i Crespi, e opera a Como e in Lombardia. E' fortemente legato al linguaggio della Riforma Cattolica ed Ŕ sempre stato poco incline alle innovazioni. Noto per le sue opere a soggetto sacro e per i ritratti della nobiltÓ e borghesia milanese, in questa tela denota stretti legami con opere del Morazzone e del Cerano.

Collezione: Collezione delle Civiche Raccolte d'arte di Palazzo Marliani Cicogna

Collocazione

Busto Arsizio (VA), Civiche Raccolte d'Arte di Palazzo Marliani Cicogna

Credits

Compilazione: Lazzari, Maria Giulia (2011)

Aggiornamento: Muzzin, Silvia (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).