Interno con donna alla fontana

Botti, Gaudenzio; Savanni, Francesco; Paglia, Antonio

Interno con donna alla fontana

Descrizione

Autore: Botti, Gaudenzio (1698/ 1775), autore delle architetture e del paesaggio; Savanni, Francesco (1723/ 1772), figurista; Paglia, Antonio (1680/ 1747), figurista

Cronologia: post 1740 - ante 1760ca. 1765 - ca. 1770

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: tela/ pittura a olio

Misure: 32 cm x 42,4 cm

Notizie storico-critiche: Il dipinto giunse nella collezione del notaio Luigi Lechi dalla raccolta della famiglia Valotti attraverso il matrimonio di Maria, figia del conte Valotti e di Barbara Fenaroli Avogadro, con Teodoro Lechi, nonno del notaio. (Notizie storico-critiche relative al progetto di catalogazione dell'anno 2005).
Il bresciano Gaudenzio Botti era un pittore specializzato in interni di cucine, spesso caratterizzate da una suggestiva luce artificiale. Le figure sono invece
attribuibili ad Antonio Paglia, artista formatosi a Brescia nella bottega del padre Francesco. Il dipinto, insieme all'opera "Interno con due domestici che gettano legna sul fuoco" (Inv. MLM69, Museo Lechi di Montichiari, Brescia) potrebbe essere tra le cose pi¨ mature di Botti, il quale riscuote molta fortuna nel Settecento bresciano, dove i soggetti raffiguranti poveri e ambientazioni popolari erano diventati un genere pittorico alla moda, grazie anche alla fortuna, tra i collezionisti, di Giacomo Ceruti il Pitocchetto (1698-1797). Botti dipinge qui una realtÓ in posa, ricalcando le strutture delle vere cucine e osterie del tempo, rilette in una pittura resa domestica e piacevole grazie alla ricchezza dei dettagli concreti. Le due opere entrano nella collezione Lechi come ereditÓ dalla famiglia Valotti. (Notizie storico-critiche relative al progetto di catalogazione del 2013-2014).

Collezione: Collezione privata Luigi e Piero Lechi

Collocazione

Montichiari (BS), Sistema Museale Montichiari Musei. Museo Lechi

Credits

Compilazione: D'Attoma, Barbara (2005)

Aggiornamento: Boletti, Elisa (2013)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).