Nobiluomo italico

D'Andrea Lorenzo

Nobiluomo italico

Descrizione

Identificazione: busto maschile

Autore: D'Andrea Lorenzo (1943/), autore

Cronologia: 1980

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 20 cm x 30 cm

Descrizione: busto di uomo visto di tre quarti e rivolto verso sinistra; abito nero di fine '800, polsino e fazzoletto intorno al collo di colore bianco, drappo grigio sulla spalla rivolta al riguardante; volto interamente fasciato e celato da una sciarpa tricolore; sfondo nero; lo stile riprende la pittura ottocentesca

Notizie storico-critiche: Il dipinto ha l'apparenza di un ritratto ottocentesco non fosse per il volto del personaggio in posa, interamente fasciato da una sciarpa con i tre colori della bandiera italiana, che ne cela le sembianze.
Esso č molto simile, sia per lo stile che per il soggetto, al dipinto intitolato "Rosolino Pilo" - patriota del Risorgimento italiano, anch'egli raffigurato col volto coperto dalla fascia tricolore - pubblicato nel catalogo della mostra tenuta nella Sala del palazzo dei Capitani del Popolo a Reggio Emilia, in cui vengono esposti i dipinti eseguiti dall'artista tra il 1977 e il 1980 (Lorenzo D'Andrea 1984, fig. pag. 7).
L'opera appartiene infatti a questa serie di lavori realizzati nella seconda metā del decennio: abbandonato il linguaggio espressionista-informale fino ad allora prevalentemente utilizzato (v. NSK 213), D'Andrea dā vita a dipinti di genere surrealista, in cui singoli riferimenti a noti esempi di pittura antica o intere composizioni riprese dall'arte del passato si mescolano con richiami alla moderna societā dei consumi.
Scrive Davide Lajolo a proposito di questa nuova ricerca: "D'Andrea non si attarda a rendere omaggio ai grandi o, se omaggio vuol essere, č il suo misurarsi nella inventivitā che affianca ai grandi maestri in ogni quadro" (Lajolo 1977).
D'Andrea, che aveva conosciuto Lajolo grazie all'amico comune Fausto Liberatore, da allora era in rapporti amichevoli sia con lo scrittore che con Angela Candiani, sua compagna. A lei sono dedicati molti dei lavori del pittore conservati in collezione, come accade nel caso di questo dipinto, l'ultimo in ordine di tempo tra quelli eseguiti dall'artista.

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Mattio, Fiorella (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)