Figura femminile nuda

Paolini Dino

Figura femminile nuda

Descrizione

Autore: Paolini Dino (1926/), autore

Cronologia: 1973

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: bronzo a fusione

Misure: 24 cm x 25 cm

Descrizione: nudo femminile accovacciato con le ginocchia aperte; le braccia non sono rappresentate

Notizie storico-critiche: La scultura uno dei nudi femminili che l'artista realizza all'inizio degli anni '70, descritti da Mario Ghilardi nella sua introduzione ad una personale che Paolini tiene nel 1972 al Centro artistico "Contardo Barbieri" di Broni (Ghilardi 1972).
I nudi scolpiti sono presentati assieme a una serie di disegni e di pastelli ad olio che insistono sullo stesso soggetto, ritraendo figure femminili che "si accampano gravi e dense".
Paolini giunge a questo tipo di figurazione, in cui sono visibili riferimenti all'opera dell'inglese Henry Moore, dopo le esperienze degli anni del dopoguerra, legate al realismo e al gruppo milanese della Galleria 15 Borgonuovo.
E' proprio attraverso un membro di questo gruppo, Antonia Ramponi, amica da lungo tempo, che Davide Lajolo conosce Paolini, accompagnato da lei nello studio milanese dello scultore.
"C'erano figure di donna che mi pareva potessero volare e le loro bocche appena segnate sembravano dire parole sommesse. Erano in sostanza figure vive perch Paolini non le aveva costruite bene soltanto col bulino e lo scalpello, n soltanto con l'intelletto e la indubbia cultura che diceva il suo lungo percorso nella strada dell'arte ma gli aveva dato il suo soffio di poesia.". Cos scrive Lajolo nel raccontare la visita allo studio dell'artista in un articolo pubblicato nel 1973 sul settimanale "Giorni Vie nuove", di cui direttore dal 1969 al 1978 (Lajolo 1973).
L'esecuzione della scultura in esame risale allo stesso anno, ed probabile che essa sia stata donata allo scrittore da Paolini proprio nell'occasione descritta, o comunque in un periodo ad essa vicino.

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Mattio, Fiorella (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).