Vaso

Zauli Carlo

Vaso

Descrizione

Autore: Zauli Carlo (1926/ 2002), autore

Cronologia: post 1976 - ca. 1980

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: gres

Misure: 10,5 cm x Ø 25 cm

Descrizione: vaso basso dall'ampia bocca circolare; la superficie esterna appare squarciata da tre lunghi tagli; un altro segno percorre meno in profonditÓ l'interno del vaso; colore nero opaco, lucido negli squarci

Notizie storico-critiche: La realizzazione dell'opera dovrebbe risalire a non prima della seconda metÓ degli anni '70, periodo in cui Zauli intraprende la ricerca sui cosiddetti "vasi sconvolti".
Si tratta di vasi realizzati al tornio, sui quali viene esercitata un'azione di stravolgimento della forma e, di conseguenza, della funzione tradizionale, motivo per cui essi sono da intendersi effettivamente come vere e proprie sculture.
Scrive a tal proposito Rudolf Schnyner: "Poi la svolta, con cui si scost˛ dagli oggetti a forma di vaso, ben modellati e lisci; la forma amorevolmente avvolta fu strappata, spezzata, distrutta, esposta a colpi e violenze. La stessa forza creatrice che domata aveva plasmato la forma, faceva ora irruzione su di essa, scatenata, disperata, distruttrice, lacerandola e generando un'opera che testimoniava la violenza subita (...)" (Carlo Zauli 1991).
I primi lavori di questo tipo, realizzati intorno al 1976, sono smaltati di bianco. Questo vaso della collezione Lajolo dovrebbe dunque essere stato realizzato dopo il 1976.

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Mattio, Fiorella (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)