Tribuna da organo

ambito lombardo

Tribuna da organo

Descrizione

Ambito culturale: ambito lombardo

Cronologia: 1750 - 1799

Tipologia: arredi liturgici e suppellettile ecclesiastica

Materia e tecnica: legno di abete/ modanatura, sagomatura, scultura, intaglio, doratura a foglia e pittura; linoleum, moquette/ incollatura

Misure: 1448 cm x 122 cm (parapetto); 1448 cm x 544 cm (pavimento)

Descrizione: Tribuna da organo in legno d'abete modanato, sagomato, intagliato, scolpito, dorato e dipinto

Notizie storico-critiche: La tribuna da organo della Chiesa dei SS. Gervasio e Protasio di Sondrio, collocata in controfacciata, Ŕ riferibile alla seconda metÓ del Settecento. Vi si accede mediante una scala che parte dalla cappella a destra dell'ingresso.Si tratta di un manufatto in legno d'abete modanato, sagomato, scolpito, dorato e dipinto a tinta pastello nelle cromie del grigio, verde e azzurro. Appare suddivisa in tre corpi, di cui quello centrale avanzato. L'eterogeneitÓ tra le nicchie scolpite nel corpo centrale e quelle dei corpi laterali lascia presupporre l'ingrandimento ai lati di una originaria cantoria, ipotesi corroborata anche dai successivi interventi di ampliamento dell'organo.
La facciata del parapetto del corpo centrale Ŕ suddivisa in cinque sezioni, separate da lesene decorate con piccole applicazioni lignee dorate. All'interno di ciascuna sezione Ŕ intagliata una nicchia a profili lisci dorati, racchiudente una statua lignea. Da sinistra a destra si riconoscono: S. Giovanni Battista, S. Pietro, Cristo benedicente, S. Giovanni Evangelista, S. Paolo (mutilo). La facciata dei due parapetti laterali comprende una nicchia centrale contenente una statua lignea (S. Lorenzo a sinistra e S. Francesco a destra), affiancata da specchiature bordate da un doppio profilo dorato.
Il corrimano del parapetto Ŕ modanato.

Collocazione

Limbiate (MB), Villa Crivelli Pusterla - complesso

Credits

Compilazione: Isabella, Maurizio (2019)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).