Sant'Antonio Abate e San Paolo Eremita nutriti da un corvo

Piazza, Martino (esecutore); Piazza, Alberto (esecutore)

Sant'Antonio Abate e San Paolo Eremita nutriti da un corvo

Descrizione

Autore: Piazza, Martino (esecutore) (1475 o 1480-1523), esecutore; Piazza, Alberto (esecutore) (1490-1525), esecutore

Cronologia: ca. 1513 - ca. 1514

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: muratura/ pittura

Misure: 95 cm x 133 cm (intero)

Descrizione: L'affresco raffigura i due santi seduti uno di fronte all'altro che attendono il corvo che porta a loro il pane, mentre sullo sfondo S. Antonio parla con un satiro che gli d indicazioni per ritrovare il romitorio di S. Paolo. Alle spalle di quest'ultimo vi una architettura in parte diroccata con una nicchia a tutto sesto. La scena poi conclusa dagli alberi frondosi.

Notizie storico-critiche: Commissionato da Giovanni Antonio Berinzaghi per decorare la propria cappella, l'affresco rivela stretti collegamenti sia con le opere certe di Alberto sia con quelle di Martino. I riferimenti ad Alberto si individuano negli arcaismi morfologici ed esecutivi, con la ripresa della tradizione quattrocentesca pavese e di Foppa, in particolare negli incarati argenti; quelli a Martino, invece, si focalizzano sulle ampie aperture paesaggistiche con le rocce squadrate e con i villaggi "alla fiamminga" che gli derivano dall'ambito leonardesco e di Giovanni Agostino da Lodi. La collaborazione fra i due fratelli risulta stilisticamente uniforme, tanto da rendere problematica l'individuazione di una mano dall'altra.

Collocazione

Lodi (LO), Museo civico

Credits

Compilazione: Faraoni, Monja (2013)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).