Vaso

ambito savonese

Vaso

Descrizione

Identificazione: giovane donna

Denominazione: Coppia di vasi

Ambito culturale: ambito savonese

Cronologia: ca. 1920 - ca. 1930

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: maiolica

Misure: 24,5 cm x 20,4 cm x 32 cm (intero); 24,5 cm x 20,5 cm x 32,4 cm (intero)

Descrizione: Coppia di vasi gemelli con coperchio in maiolica su base a disco. Dal bordo inferiore si alza il corpo ovoidale sormontato dal largo e basso collo con bordo a mensola e larga bocca. Il coperchio ha bordo estroflesso e il corpo a doppia calotta termina con una presa superiore a pera. Ai fianchi troviamo un mascherone a fauci spalancate sormontato da un'ansa. Il motivo decorativo, su base smaltata azzurro, grigiastro che presenta una fitta trama di craquelure, si sviluppa all'interno di campi delimitati da rocce e fiori nella parte inferiore; da nuvole e decorazioni floreali nella parte superiore.
Le figure rappresentate (due per ogni verso) sono inserite in ambiente marino: nell'inv. 2751 troviamo da un lato una donna sul dorso di un delfino; dall'altro un giovane a cavallo di un mostro marino; nell'inv. 2750 vi da un lato un giovane seduto in una grande conchiglia; dall'altro un giovane che cavalca un delfino.

Notizie storico-critiche: Le due opere provengono dalla raccolta Beretta dove rimasero fino al 1937. L'opera appartiene a quella vasta produzione delle fabbriche savonesi d'inizio Novecento quando vi fu una ripresa dei modelli e delle forme della maiolica sei-settecentesca locale. Il tentativo d'imitazione portato all'estremo, anche grazie all'effetto "craquelure" con cui i due vasi sono interamente ricoperti. Entrambi i vasi hanno una medesima marcatura alla base con una lanterna blu, copia del simbolo di una fornace attiva nel XVII secolo.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Bertocco, Mattia Alberto (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).