Tazza

ambito pavese

Tazza

Descrizione

Identificazione: paesaggio con danzatrice

Denominazione: Tazza d'inganno "a scenografia barocca"

Ambito culturale: ambito pavese

Cronologia: ca. 1700 - ca. 1750

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: maiolica

Misure: 14,5 cm x 17,2 cm (intero); 6,1 (altezza minima); 6,6 (altezza massima)

Descrizione: Tazza d'inganno ellittica con parete costolata, bordo lobato, manici ricurvi e piede ellittico.
Lungo il bordo applicato un fischietto cilindrico, affiancato da due grappoli d'uva, foglie e viticci. La parete sotto il fischietto doppia, con una serie di fori verso l'esterno. All'interno una decorazione "a scenografia barocca", mostra una figura che danza e suona tra quinte di piante nascenti dal bordo, in uno sfondo di monti blu e uccellini stilizzati. La decorazione policroma prosegue anche all'esterno dove sono presenti: dei cespugli, alcune velature in blu indicanti il cielo, e uccellini schematici sparsi. Le anse sono campite in blu, il piede in manganese.

Notizie storico-critiche: La tazza proviene dalla collezione privata del legato Francesco Ponti. La sua manifattura accostabile, in particolare per la scelta decorativa, a piatti e a vassoi con tesa a rilievo, realizzati in area pavese nella prima met del XVIII secolo.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Sanson, Angela (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).