Tazza

Coppellotti, Antonio Maria (attribuito)

Tazza

Descrizione

Identificazione: elementi decorativi vegetali

Denominazione: Vasca di tazza da brodo

Autore: Coppellotti, Antonio Maria (attribuito) (1735/ 1780), artigiano

Cronologia: ca 1750 - ca 1780

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: maiolica

Misure: 18 cm x 14,6 cm x 5,6 cm (Intero)

Descrizione: Tazza da brodo, interamente rivestita in smalto, con corpo costolato, orlo superiore octolobato, e anse a conchiglia rovesciata. L'apparato decorativo presenta all'esterno, tre zolle pratose con alberelli e fusto sinuoso, abitate rispettivamente da un uomo di spalle, da un uccello e da rovine architettoniche; all'interno mosconi e piccoli fiori. Sotto la base si legge la marca corsiva in blu "Lodi/AMC".

Notizie storico-critiche: La tazza, di proprietÓ del Legato Francesco Ponti, Ŕ da far risalire alla produzione ceramica lodigiana, in particolare alla manifattura di Antonio Maria Coppellotti. E' assegnabile alla metÓ del XVIII secolo. La tipologia decorativa "a paesini e figure" fu tra le pi¨ fortunate della ceramica lombarda del XVIII secolo ma, nella seconda metÓ del 1700, non avendo conquistato la tavolozza a piccolo fuoco, Coppellotti dovrÓ lasciare la direzione artistica di questo gioco decorativo alle ditte milanesi.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Sanson, Angela (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).