Specchio cilindrico per anamorfosi - fisica

Dollond John

Specchio cilindrico per anamorfosi - fisica

Descrizione

Si tratta di uno specchio semi-cilindrico di metallo, dotato, in corrispondenza delle basi superiore e inferiore, di un basamento e di una copertura di legno. Lo strumento, dotato di una scatola di metallo, era corredato da una serie di anamorfosi (dal greco "ana" 'all'ins¨, all'indietro, ritorno verso' e "morphe" 'forma' - immagini disegnate in modo da apparire deformate se osservate dal normale punto di vista frontale), attualmente mancanti. Esse erano tali che le immagini ottenute per riflessione dallo specchio, a sua volta deformante, risultavano corrette.

Funzione: Lo specchio veniva usato per incuriosire e per mostrare la legge della riflessione.

Modalità d'uso: Lo specchio cilindrico pu˛ venire posto al centro di una figura deformata (anamorfosi). Guardando l'immagine di questa riflessa nello specchio la figura appare leggibile.

Autore: Dollond John (costruttore) (1706/ 1761)

Materia e tecnica: metallo; legno

Categoria: fisica

Misure: 7,5 cm x 11,2 cm

Collocazione

Pavia (PV), Museo per la Storia dell'UniversitÓ

Riferimenti bibliografici

Strumenti Alessandro "Gli strumenti di Alessandro Volta : Il gabinetto di fisica dell'UniversitÓ di Pavia", Milano 2002

Credits

Compilazione: Boffelli, Fabrizio (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).