Microscopio composto - scienze della vita

Plossl George Simon

Microscopio composto - scienze della vita

Descrizione

Si tratta di un microscopio composto. Su una base formata da tre piedi Ŕ fissata una colonna di metallo, sulla quale sono inseriti il portaoggetti e il tubo oculare, i quali possono scorrere in direzione parallela alla colonna stessa tramite un pignone dentato e una cremagliera. Su uno dei piedi, sotto il portaoggetti, Ŕ fissato lo specchietto mobile d'illuminazione. Sullo stesso piede Ŕ possibile fissare un prisma sorretto da una colonnina di ottone regolabile in altezza. Il prisma ha due facce convesse ed una piana ed Ŕ utilizzato anch'esso per l'illuminazione del preparato. Il tavolino porta preparato Ŕ dotato di un meccanismo di spostamento laterale del campione. Il microscopio Ŕ corredato dai seguenti accessori: oculari, obiettivi, pinzette e alcuni vetrini. Il microscopio e gli accessori sono contenuti in una cassetta di legno, parzialmente imbottita e foderata di velluto verde. I portapreparati sono costituiti da asticelle di legno, recanti ciascuna quattro fori nei quali i preparati microscopici sono trattenuti tra una coppia di dischetti di vetro trattenuti da anelli di ottone (in quattro asticelle manca uno dei preparati). Le lenti sono poste in diversi vani all'interno della scatola di legno.

Funzione: Il microscopio composto Ŕ uno strumento che permette di osservare oggetti non percettibili ad occhio nudo consentendone l'ingrandimento.

Autore: Plossl George Simon (costruttore) (1794/ 1868)

Materia e tecnica: ottone; vetro; metallo; legno; velluto

Categoria: scienze della vita

Misure: 44 cm

Collocazione

Pavia (PV), Museo per la Storia dell'UniversitÓ

Riferimenti bibliografici

Brenni P. "Gli strumenti di fisica dell'Istituto Tecnico Toscano - Ottica", Firenze 2000

Credits

Compilazione: Boffelli, Fabrizio (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).