Zootropio - Industria, manifattura, artigianato

Horner William George; Quincke Georg Hermann

Zootropio - Industria, manifattura, artigianato

Descrizione

Su una base circolare in legno con stelo sagomato è inserito un cilindro aperto superiormente e chiuso inferiormente. Il cilindro può ruotare attorno al suo asse. Sulla superficie laterale, nella parte alta, sono praticate 12 fessure verticali a distanze regolari. All'interno è inserita una striscia di carta con disegni di cerchi ed ovali. In una scatoletta in cartoncino sono custodite altre strisce con disegni geometrici quali linee, punti, cerchi

Funzione: Visione di una serie di immagini che davano l'illusione di movimento.

Notizie storiche: Prima dell'invenzione del cinema e della prima proiezione dei Fratelli Lumiere nel 1895, molti erano stati i tentativi di proiettare immagini e movimenti illusori. La lanterna magica fu il primo apparato per proiezione, descritto dal gesuita Athanasius Kircher nel 1646 nel suo libro "Ars Magna Lucis et Umbrae" e dal fisico matematico Christiaan Huygens nel 1956, probabilmente importato in Europa dalla Cina. Nel 1824 fu inventato il taumatropio composto da un dischetto in cartoncino, fissato a due fili e disegnato sulle due facce in modo tale che facendo girare velocemente il disco, le immagini si sovrappongano creando l'illusione di movimento. Nel 1833 Joseph-Antoine Plateau inventò il fenachistoscopio. Consisteva in una ruota fissata su un manico e in grado di ruotare su se stessa, sulla quale erano praticate delle fessure a intervalli regolari, attraverso le quali guardare. Sul lato interno venivano disegnate delle immagini. Le immagini venivano proiettate su uno specchio. Il movimento veloce della ruota e gli spazi vuoti creavano l'illusione di movimento, sfruttando il fenomeno della persistenza retinica. Lo zootropio, inventato nel 1834 da William George Horner, perfezionò il fenachistoscopio. Di forma simile al fenachistoscopio, prevedeva di utilizzare strisce di carta sulle quali venivano disegnate una serie di immagini. Inserite nel tamburo che ruotava, davano l'illusione di movimento. Le strisce erano necessariamente brevi e non si potevano quindi raccontare storie lunghe ma solo fare esperimenti. Per la visione non era necessario avvicinarsi troppo ed era quindi possibile una visione collettiva. Inoltre, attraverso un sistema di specchi ed un'opportuna illuminazione, era possibile proiettare le immagini su uno schermo. Naturalmente le strisce erano brevi e quindi si potevano fare solo degli esperimenti. Nel 1878 Emile Reynaud modificò lo zootropio inserendo un prisma di specchi al centro, che permetteva di riflettere e proiettare le immagini su uno schermo. In questo modo ottenne immagini di dimensioni reali. Nel frattempo la fotografia si stava sviluppando e suscitava molto interessa la riproduzione del movimento catturato da scatti in sequenza, che se visti in veloce frequenza si fissavano sull aretina dell'occhio dando l'impressione illusionistica del moto. Nel 1878 Edward Muybridge studiò un sistema per ottenere immagini in sequenza, posizionando macchine fotografiche a distanze regolari azionate da fili di lana tesi che un cavallo in corsa incontrava sul suo percorso. Questa idea venne perfezionata fino ad arrivare all'invenzione della pellicola fotografica di celluloide nel 1882, che permetteva di mettere in serie le immagini fotografiche. Quando Eastmann inventò la perforazione delle pellicole 35mm con 16 fotogrammi al secondo la nascita del cinema fu cosa fatta. Nel 1891 Thomas Alva Edison inventò in kinetoscopio: una grande cassa sulla cui sommità si trovava un oculare. Lo spettatore appoggiava l'occhio, girava la manovella e poteva guardare il film montato nella macchina su rocchetti. Questo apparecchio veniva utilizzato nelle fiere e dutilizzato dietro pagamento di un biglietto. La prima visione pubblica collettiva fu però quella dovuta ai fratelli Lumiere, a Parigi, il 28 Dicembre 1895.

Autore: Horner William George (inventore) (1786/ 1837); Quincke Georg Hermann (progettista/ disegnatore) (1834/1924)

Datazione: ca. 1870 - ca. 1890

Materia e tecnica: legno; cartoncino; carta

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 36,5 cm x Ø 27,5 cm

Peso: 1,23 kg

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Bernardi S. "L'avventura del cinematografo", Venezia 2007

Re G. "Il Cinematografo", Milano 1907

Futurinsieme Percorso "Futurinsieme : Percorso storico di tecnologie cinematografiche e televisive in vista di un futuro comune", Milano 1986, p. 8

Credits

Compilazione: Ranon, Simona (2008)

Aggiornamento: Iannone, Vincenzo (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)