Calcolatrice di Leibniz - calcolatrice - Matematica

Leibniz Gottfried Wilhelm; Guatelli Roberto A.

Calcolatrice di Leibniz - calcolatrice - Matematica

Descrizione

La macchina, in scala rispetto all'originale, Ŕ completamente in ottone e acciaio, salvo le prese in legno delle due manovelle visibili una sul fronte e l'altra ad un'estremitÓ della macchina. Sul fronte anteriore Ŕ presente una prima parte della macchina, la sezione di input, con otto manopoline in ottone che permettono di inserire il numero su cui operare. In questa stessa sezione della macchina, a destra, Ŕ presente una manopola di selezione del numero da moltiplicare (moltiplicatore); mentre la manovella sul fronte, con la presa in legno, permette, se ruotata, di eseguire l'operazione. Sul lato posteriore della macchina, sono visibili sedici finestrelle che visualizzano il risultato dell'operazione; questa parte della macchina Ŕ la sezione di accumulazione a sedici cifre decimali detta appunto accumulatore. La sezione di input Ŕ montata su binari e grazie alla rotazione della manovella con presa in legno all'estremitÓ sinistra della macchina, Ŕ possibile spostarla lungo la sezione dell'accumulatore.

Funzione: Esecuzione di calcoli e operazioni matematiche

Notizie storiche: Il matematico Gottfried Wilhelm Leibniz progetta nel 1671 una machina capace di attuare la moltiplicazione, utilizzando pignoni con denti di lunghezza proporzionale al valore delle singole cifre; l'esecuzione meccanica delle moltiplicazioni avviene sotto forma di addizioni ripetute. Il concetto innovativo della macchina di Leibniz, fu quello di 'memorizzare' il moltiplicando grazie ad un congegno battezzato 'tamburo a denti scalati' (stepped drum), con il quale sarebbe bastato girare ripetutamente una manovella per continuare a sommare un numero a se stesso, senza doverlo riscrivere ogni volta. Con un opportuno accorgimento era anche possibile eseguire moltiplicazioni di due numeri di pi¨ cifre.

Autore: Leibniz Gottfried Wilhelm (inventore) (1646/ 1716); Guatelli Roberto A. (costruttore) (notizie 1939-1953)

Datazione: post 1940 - ante 1960

Materia e tecnica: ottone; legno

Categoria: matematica

Misure: 21 cm x 53 cm x 10 cm

Peso: 5 kg

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Soresini F. "Storia del calcolo automatico", Roma 1977, v. I pp. 45-58

I.B.M. Italia "Il calcolo automatico nella storia / Guida ai visitatori della mostra dedicata al "Calcolo automatico nella storia" ed organizzata dalla IBM ITALIA al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano", Milano 1959

Credits

Compilazione: Iannone, Vincenzo (2014); Schira, Renato (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).