Modello Edelmann 1897 - macchina per scrivere - meccanica

Edelmann, Wernicke & Company

Modello Edelmann 1897 - macchina per scrivere - meccanica

Descrizione

La macchina Ŕ montata su una base di legno di forma rettangolare, predisposta alla chiusura con un coperchio. La macchina presenta un telaio metallico a base mistilinea verniciato di nero. I caratteri sono disposti su un cilindro portacaratteri, collegato ad un puntatore per mezzo di rotelle dentate, nascoste dal telaio metallico. A destra del cilindro si trova un piccolo tampone inchiostratore. Il puntatore si muove lungo un indice lineare in porcellana, posizionato nella parte frontale della macchina. Sotto l'indice in porcellana si trova un frontalino metallico con fenditure verticali in corrispondenza di ogni carattere. Dalla parte sinistra della macchina sporgono tre tasti di forma circolare di colore nero. Nella parte posteriore dell'esemplare, al di sotto del cilindro, Ŕ sistemato il carrello portarullo.

Modalità d'uso: Muovendo la manopola del puntatore lungo l'indice, si seleziona un carattere. Per mezzo di rotelle dentate il puntatore fa ruotare il cilindro portacaratteri nella posizione corrispondente al carattere selezionato. Premendo quindi sul puntatore, il cilindro portacaratteri scatta, colpendo il rullo sottostante con una certa potenza. I tre tasti servono per la spaziatura, cifre, interpunzioni e maiuscole. L'inchiostrazione avviene per mezzo del tampone. Attraverso un sistema di scappamento, il carrello portacarta compie uno spostamento ad ogni battuta di tasto, permettendo la composizione di una riga.

Notizie storiche: La macchina Edelmann combinava l'utilizzo del cilindro portacaratteri con il movimento di un puntatore nel tentativo di superare alcuni limiti tipici delle macchine ad una sola leva, come la lentezza, la non visibilitÓ della scrittura e la poca funzionalitÓ nella duplicazione delle copie. Il cilindro portacaratteri fu appositamente posizionato ad una certa distanza dal rullo per incrementarne la potenza dell'impatto sul rullo stesso; in questo modo era possibile realizzare pi¨ copie alla volta. Negli ultimi anni di produzione, durante la prima Guerra Mondiale, venne realizzato un modello che potesse essere utilizzato anche dagli invalidi di guerra. Le macchine Edelmann apparvero sul mercato nel 1897, prodotte dalla Wernicke, Edelmann & Company di Berlino, successivamente riorganizzata come Edelmann Typewriter Company. La produzione pass˛ infine alla Julius Pintsch & Company di Francoforte sul Meno fino alla fine agli anni '20 del 1900.

Autore: Edelmann, Wernicke & Company (COSTRUTTORE) (1897)

Datazione: 1898 - 1919

Materia e tecnica: legno/ falegnameria; metallo/ forgiatura; ottone/ forgiatura

Categoria: meccanica

Misure: 33 cm x 28 cm x 20 cm

Collocazione

Milano (MI), Istituto dei Ciechi di Milano - Museo Louis Braille

Riferimenti bibliografici

AA.VV. "Origini ed evoluzione dei metodi di scrittura per ciechi all'Istituto di Milano", Milano 1977

Marco G.BascapŔ, Maria Canella, Sergio Rebora "Luce su Luce l'Impegno della solidarietÓ dalla caritÓ alla scienza", Milano 2003

Tighman Richards George "Handbook of the collection illustrating typewriters / a brief outline of the history and development of the correspondence typewriter with reference to the national collection, and descriptions of the exhibits'", London 1948

Credits

Compilazione: Panzeri, Enrica (2019)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)