Strage degli innocenti con felcetta

Raimondi, Marcantonio; Sanzio, Raffaello

Strage degli innocenti con felcetta

Descrizione

Identificazione: Strage degli innocenti

Autore: Raimondi, Marcantonio (1482 ca.-1534 ca.), incisore; Sanzio, Raffaello (1483-1520), inventore

Cronologia: ca. 1511 - ca. 1512

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: sacro

Materia e tecnica: bulino

Misure: 440 mm x 281 mm (parte incisa)

Notizie storico-critiche: Marcantonio Raimondi incise due versioni della medesima composizione raffaellesca: una detta 'con felcetta', come l'esemplare qui schedato (e l'altro inv. St. Mal. 1714), l'altra 'senza felcetta' (si veda l'esemplare St. Mal. 1711). La matrice della versione con felcetta anch'essa conservata presso la raccolta Malaspina (cfr. St. Mal. 5436). La differenza non consiste solo nella presenza del piccolo albero in alto a sinistra (a destra nella stampa), ispirato al "Meerwunder" di Drer, cfr. Bartsch VII, pp. 84-85 n. 71), ma anche per gli occhi della figura femminile al centro della composizione, che guardano a destra (mentre nella versione 'senza felcetta' il contrario).
Il soggetto stato tratto da un'invenzione di Raffaello, di cui sopravvivono alcune versioni pi o meno complete: due disegni delle figure principali si conservano a Londra (British Museum, inv. 1895,0915.624 e 1860,0414.446), altri sono a Windsor Castle (inv. 12737; cfr. Landau/ Parshall 1994, p. 125, fig. 119) e a Vienna (Albertina, nn. inv. 188-189); un disegno di attribuzione incerta presso lo Szptmveszti Mzeum a Budapest (inv. 2195; cfr. Landau/Parshall 1994, p. 125, fig. 120 come Raffaello). Si veda Pon 2004, pp. 122-136.
Lo sfondo paesaggistico e la rappresentazione del Ponte Quattro Capi, tratta probabilmente da una copia del Codex Escurialensis, sono considerati invenzioni dell'incisore e non di Raffaello.
L'attribuzione al Raimondi di entrambe le versioni non fu sempre unanime, anzi venne spesso messa in dubbio (cfr. Bartsch e Delaborde 1888 ritenevano quella 'con felcetta' l'originale, Passavant e altri invece la giudicavano la copia), mentre oggi si dibatte piuttosto sulla precedenza cronologica.
Attualmente si ritiene che quella 'con felcetta', qui schedata, sia la prima versione, databile intorno al 1511-1512, mentre l'altra sarebbe una replica incisa intorno al 1513-1515 (Pon 2004, pp. 64-65, 119-122; Landau/ Parshall 1994, p. 134). Vasari la descrisse come una "cosa rara", ma sappiamo che si tratta della stampa pi venduta in tutto il Cinquecento.

Collocazione

Pavia (PV), Musei Civici di Pavia

Credits

Compilazione: Aldovini, Laura (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).