La passione di Cristo

Schongauer, Martin

La passione di Cristo

Descrizione

Identificazione: Resurrezione di Cristo

Autore: Schongauer, Martin (1440/53 ca.-1491), incisore / inventore

Cronologia: post 1450 - ante 1491

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: sacro

Materia e tecnica: bulino

Misure: 114 mm x 162 mm (parte incisa)

Notizie storico-critiche: La stampa appartiene alla serie di 12 stampe dedicate alla Passione di Cristo.
Le uniche serie intatte di prima tiratura, su carta Galliziani, sono conservate oggi a Monaco (con margini) e a Oxford; forse integra anche quella dell'Albertina di Vienna (non per Lehrs n. 30). Tutte le altre serie sono miscellanee e ricomposte a posteriori. L'ultima tiratura su carta con la filigrana con la testa di profilo, seguita da una con una piccola testa di cane e la filigrana con Tau, probabilmente postume.

L'esemplare appartenuto al marchese Malaspina di Sannazzaro non compare tra gli esemplari della stampa citati in Hollstein (Hollstein 1999) e neppure in The Illustrated Bartsch (TIB 8, Commentary, 1996).

Il monogramma ha le aste oblique.
L'iconografia assente nel Nuovo Testamento, tuttavia gli artisti tedeschi e boemi l'hanno frequentata spesso. Nelle raffigurazioni tedesche normalmente si usa il sarcofago aperto.
La composizione stata probabilmente influenzata da un dipinto conservato presso l'Alte Pinakothek di Monaco di Baviera, oggi creduta un autografo di Dirk Bouts, presente nella chiesa di San Lorenzo a Colonia nel tardo XV secolo.

Si conservano circa 15 esemplari, i migliori senza filigrana o con la filigrana con la D e la croce di Lorena, o la testa di profilo, oppure una piccola testa di cane con la croce di Sant'Antonio.
Prima impressione conservata a New York (Metropolitan Museum of Arts).

Collocazione

Pavia (PV), Musei Civici di Pavia

Credits

Compilazione: Gritti, Jessica (2010)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).