Lombardia Beni Culturali

Cartula donationis et oblationis

1124 maggio 2, Cremona.

Alberto giudice, figlio del defunto Guifredo, di Genivolta, di legge longobarda, dona alla chiesa di S. Maria che è a capo della diocesi di Cremona tutti i beni che egli ha nei territori di Soresina, Genivolta, Bubiathecha, Monterione e Villagana, eccetto i beni che ha già destinato alla chiesa di S. Paolo (non è specificata la località) e sette appezzamenti di terra, dati alla figlia naturale Berlinda, come risulta da tre documenti (non reperiti).

Originale, BSCr, LC, pergg., n. 72 [A]. Regesto sec. XVI, Inventario Mensa sec. XVI, c. 11r, Carniero 7 Genivolta, n. 31. Regesto prima metà sec. XVII, Inventario Mensa sec. XVII, c. 21v, carniero 12, E. Regesto sec. XVIII, ASDCr, Mensa Vescovile, Istromenti, cart. 13, Genivolta, fasc. Genivolta. Possesso de Beni. Parte prima. Cartella n. 41, reg. n. 9. Copia sec. XIX, Cereda, sc. 2, sec. XII, fasc. 1, n. 29 (due esemplari, uno di mano di Antonio Dragoni e uno di mano di Odoardo Ferragni). Regesto sec. XIX, Ferragni, n. 268 (con data marzo 2) e n. 270 (con data corretta).
Sul verso annotazione probabilmente di mano del rogatario, leggibile con l'ausilio della lampada di Wood: Cartula donacionis quam fecit Albertus iudex de Iovesalta in Ecclesia Sancte Marie; annotazione di mano del sec. XIII-XIV, leggibile con l'ausilio della lampada di Wood: De Bubliaticha et Monterioni curtis Iovisalte; segnatura archivistica del sec. XVI, solo parzialmente leggibile con l'ausilio della lampada di Wood: n. 31; segnatura archivistica del sec. XVII, leggibile con l'ausilio della lampada di Wood: E; annotazione di mano moderna, probabilmente del sec. XVIII: 1124. Instrumentum donationis factae per Albertus de Iudicibus (così) Ecclesię Cremonensi de omnibus terris quas obtinebat in locis Iovisaltę, Bubiaticę, Montironi et Villianea et eorum teritoriis et hęc donatio est subscripta manibus ipsius donatoris; Iovisalta; annotazioni di mani diverse del sec. XIX: n. 9; 25; 1124; 25; Vescovo Ubaldo.

Edizione: Falconi, II, p. 135, n. 289 (dove non è riportata la sottoscrizione notarile).
Regesto: Robolotti, p. 35, n. 284; Astegiano, I, p. 105, n. 62; Savio, p. 76 (con data marzo 2).

Il documento è regestato nell'inventario del sec. XVI, a c. 11r, segnato con il n. 31 del Carniero n. 7, che contiene le scritture relative a Genivolta; e nell'inventario del sec. XVII, a c. 21v, segnato con la lettera E del Carniero n. 12. Le antiche segnature sul verso della pergamena sono poco leggibili, perchè su di esse è stato scritto il regesto del documento nel sec. XVIII.

(SN) Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo vigesimo quarto, secundo die mensis | madii, indic(tione) secunda. Ęcclesie (a) maiori sancte Dei genitricis virginis Marie de civitate Cre|mona, que est caput Cremonensis episcopatus, ego Albertus iudex, filius quondam Guifredi iudicis, qui cognomi|nor de Iovisalta, qui professus sum me lege vivere Longobardorum, donator et oblator ipsius Ęcclesię, | presens presentibus dixi: Quisquis in sanctis ac in venerabilibus locis ex suis aliquid contulerit rebus, iuxta Auctoris (1) vocem (b), centuplum in hoc seculo | accipiet et insuper, quod melius est, vitam possidebit eternam. Ideoque dono et offero ego qui supra Albertus iudex presenti | die suprascripte Ęcclesie pro anime mee mercede, videlicet casas et omnes res terretorias iuris mei, que iacent | in loco Surrixina et in suprascripto loco Iovisalta et in loco Bubiathecha et in Montironi atque in Viliana | et in eorum finibus et pertinentiis et etiam alibi, sicuti ego qui supra Albertus olim habere et possidere visu (c) sum preter illas | res terretorias quas per car(tulam) (2) commissas habeo in ecclesia Sancti Pauli et preter pecias duas de terra quas hodie ordi|navi in Berlinda, filia mea naturali, per car(tulam) iudicati (3) et exceptis similiter quinque aliis peciis de terra quas nuper commisi in eadem Berlinda per car(tulam) (4) donacionis (d). Quas autem suprascriptas res terretorias omnes iuris mei qui supra | Alberti iudicis cum casis et arboribus et silvis superhabitis similiter mei iuris una cum accessionibus et ingressibus | seu cum superioribus et inferioribus suis, preter illas quas supra excepi, qualiter superius legitur, inintegrum ab hac die in suprascripta | ecclesia Sancte Marie virginis dono, cedo, trado, confero et per presentem car(tulam) donacionis et oblationis ibidem habendas | confirmo (e), faciendo exinde pars ipsius (f) Ecclesie, scilicet donnus Obertus, qui nunc est episcopus ipsius Ecclesie, et eius | successores atque cui ipsi dederint (g) iure proprietario quicquid voluerint sine omni mea et heredum meorum contra|ditione pro mercede et remedio anime mee atque animarum omnium parentum meorum defunctorum. |Et nec mihi qui supra Alberto liceat ullo tempore penitere de (h) suprascripta donatione nec aliquid inde repetere, sed | semper in perpetuum firma et illabata (i) permaneat. Actum in suburbio suprascripte urbis, in burgo Citanova, feliciter.
(S) Ego (j) Albertus iudex qui hanc car(tulam) oblacionis subscripsi.
Signa ma+++++++nuum Airoldi, Ottonis, Vuale, Lanfranci, Benincase, | Arrici et Bernardi, rogatorum testium.
(SN) Lanfrancus causidicus et notarius sacri palaciiscripsi, tradidi, complevi | et dedi.


(a) -e finale corretta da altra lettera, pare -a
(b) iuxta - vocem in sopralinea.
(c) Così A.
(d) et exceptis - donacionis in sopralinea.
(e) confirmo su rasura.
(f) Segue ip(siu)s ripetuto, espunto e depennato.
(g) dede- pressochè illeggibile a causa di una macchia.
(h) d(e) in modulo più piccolo, forse aggiunto successivamente dal rogatario.
(i) Così A.
(j) Ego parzialmente in sopralinea.

(1) Cf. Math. 19, 29.
(2) Documento non reperito.
(3) Documento non reperito.
(4) Documento non reperito.

Edizione a cura di Valeria Leoni
Codifica a cura di Valeria Leoni

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS