Lombardia Beni Culturali
5

Alexandri papae III pagina confirmationis

<1174-1178> gennaio 13, Anagni.

Alessandro III papa conferma l'accordo tra il preposito e i confratelli della chiesa di San Desiderio e i canonici della cattedrale di Brescia - in osservanza di quanto stabilito nel documento di fondazione della chiesa - secondo cui cinque canonici potranno recarsi in processione alla predetta chiesa nella festivitÓ di san Desiderio, ricevendo sei soldi.

Originale, ASBs, ASC, Miscellanea di pergamene, cart. 3, n. 199 (giÓ BQBs, segnatura sconosciuta) [A].

Edizione: KEHR, Papsturkunden, V, n. 21, pp. 449-50.
Regesto: KEHR, Italia Pontificia, VI, n. 1, p. 316.
Cfr. VIOLANTE, La Chiesa bresciana, p. 1059; BETTELLI BERGAMASCHI, Pallii serici, p. 159 (nota 36); EAD., Seta e colori, pp. 19-20 (nota 43); I chiostri di Brescia, p. 92.

La pergamena presenta lievi rosicature lungo i margini, diffuse macchie chiare e brunastre dovute con ogni probabilitÓ all'utilizzo di colla per rilegare il documento ad un registro, maggiormente pronunciate in corrispondenza di antiche piegature verticali, nonchŔ piccole abrasioni del supporto con conseguente perdita del dettato. Lungo le piegature e in corrispondenza della plica sono presenti piccoli fori, parzialmente otturati dalla carta. Al centro della plica sono visibili i fori di appensione del sigillo, ora deperdito. Rigatura a secco.
Non si conosce la precedente collocazione archivistica di questo documento, erroneamente attribuito a papa Alessandro IV (1254-1261). L'errore venne segnalato da Kehr nell'edizione del documento: lo studioso annot˛ che la pergamena si trovava in Biblioteca Queriniana 'unter den Urkunden Alexanders IV'.

ALEXANDER episcopus servus servorum Dei. Dilectis filiis .. preposito et fratribus Sancti Desiderii | salutem et apostolicam ben(edictionem). Cum ecclesia vestra nobis sit nullo mediante subiecta, nobis | specialiter imminet providendum, ne imposterum immutari valeat | vel qualibet temeritate rescindi quod pro pace ipsius ecclesie provida | noscitur circumspectione statutum. Significatum est siquidem nobis (a), quod, cum | a fundatore vestre ecclesie (1), sicut eius scriptum (2) ma[n]ifeste declarat, statutum | fuisset, ut in festo eiusdem ecclesie q[u]inque canonicorum Ecclesie Brixiensis | cum processione illuc venientium procuratio ad eadem ecclesia exhiberi | deberet, tandem inter (b) eosdem canonicos et prescriptam ecclesiam vestram | huiusmodi compositio pro bono pacis, sicut credimus, facta est et | a viginti annis et u[l]tra servata, [q]uod pro eadem procuratione iamdicti | canonici cum processione illuc venientes sex solid(os) recipere debeant | annuatim. Nolentes itaque imposterum immutari quod pro bono pacis fac|tum est et tanto te(m)pore observatum, prescriptam co(m)positionem sicut de assensu | partium facta est, ratam et firmam hab[e]ntes, eam auctoritate apostolica confirma|mus [et] presentis scripti patrocinio communimus, statuentes ut nulli omnino | hominum liceat hanc paginam nostre confirmationis infringere vel ei aliquatenus | contraire. Si quis autem hoc atte(m)ptare pre[s]umpserit, indignationem omnipotentis Dei et | beatorum Petri et Pauli apostolorum eius se noverit incursurum. | Datum Anagni, id(us) ian(uarii).
(BD)

(a) A nob(is) corr. su rasura.
(b) i- corr. su altra lettera.

(1) I fondatori della chiesa e della canonica di San Desiderio non sono noti.
(2) Si desidera.

Edizione a cura di Diana Vecchio
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS