Sei in: Opere

Torre al parco
Milano (MI)

Indirizzo: Via Giuseppe Revere 2/ 4 - Milano (MI) (vedi mappa)

Tipologia: architettura per la residenza, il terziario e i servizi; grattacielo

Caratteri costruttivi:

  • strutture: travi, pilastri e solai in cemento armato
  • facciata: intonaco grigio
  • coperture: piana a terrazza, praticabile sopra il volume tecnico centrale
  • serramenti: in legno naturale con doppio vetro per le camere; a telaio in ghisa verniciata di bianco per i bow-windows dei soggiorni

Cronologia:

  • progettazione: 1953
  • esecuzione: 1953 - 1956
  • data di riferimento: 1953 - 1956

Committenza: Liquigas Spa

Autori:

Uso: abitazione/ ufficio

Condizione giuridica: proprietà privata

Descrizione

L'edificio ha una pianta ad "L", in cui ciascuno dei bracci è occupato prevalentemente da due ampi appartamenti per piano di sei e nove locali. Servito da una scala poligonale posta nell'atrio, ha le zone giorno di ciascun alloggio proiettate su terrazze e verande panoramiche di diverse dimensioni, che definiscono l'evoluzione asimmetrica dei prospetti agganciandosi e svuotando gli angoli della torre. La copertura è costituita da una terrazza piana praticabile (ricavata sopra il vano tecnico che accoglie le macchine degli ascensori), accessibile dall'ultimo livello attraverso una scala in aggetto dalla facciata sottostante, che è protetta da una scultorea pensilina. La struttura portante, realizzata con travi e pilastri in cemento armato, è sistemata secondo una griglia regolare che permette ampia flessibilità nell'uso dello spazio interno, per cui era prevista anche la possibilità di realizzare appartamenti in duplex. Solo il piano terra è destinato ad uffici, mentre i tre piani interrati accolgono i garage. Gran parte del lotto è lasciata a verde, ma all'edificio si affianca anche una superficie pavimentata che funge da parcheggio all'aperto. Negli interni, particolare cura è riservata all'atrio che offre una vista panoramica sul giardino, pavimentato in porfido, grazie a una parete interamente realizzata in cristallo di sicurezza. Le altre pareti sono rivestite da una raffinata boiserie in faggio e il pavimento è realizzato con lastre di serizzo grigio.

Notizie storiche

Nel progetto originario, l'intonaco delle facciate era stato previsto in un colore rosso e bruno molto scuro da realizzare attraverso un impasto a base di graniglia di porfido. La soluzione però non convinse la committenza, preoccupata che una simile scelta cromatica potesse scoraggiare l'acquisto degli appartamenti, destinati alla borghesia medio-alta. Il colore fu pertanto sostituito con un più comune grigio. Nel corso degli anni alcuni serramenti originali sono stati sostituiti.

Documentazione allegata

Fonti archivistiche

Archivio Civico, Milano - scheda fondo vedi »

Fondo Giorgio Casali. Università IUAV Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Archivio Progetti - scheda fondo vedi »

Archivio Vico Magistretti. Fondazione Vico Magistretti, Milano - scheda fondo vedi »

Archivio Vico Magistretti. Fondazione Vico Magistretti, Milano - sito vedi »

Bibliografia

Longoni F./ Magistretti V., Casabella-Continuità, Una torre per abitazioni al Parco di Milano, Milano 1957, n. 217, pp. 37-41

Pica A., Architettura italiana ultima, Milano 1959, pp. 112-113

Aloi R., Nuove architetture a Milano, Milano 1959, pp. 19-25

Pedio R., L'architettura. Cronache e storia, Linea Lombarda: opere di Vico Magistretti, 1960, n. 57, p. 155

Grandi M./ Pracchi A., Milano, guida all'architettura moderna, Bologna 1980, p. 314

Pasca V., Vico Magistretti. L'eleganza della ragione, Milano 1991

Irace F./ Pasca V., Vico Magistretti, architetto e designer, Milano 1999

Gramigna G./ Mazza S., Milano. Un secolo di architettura milanese dal Cordusio alla Bicocca, Milano 2001, p. 286

Boriani M./ Morandi C./ Rossari A., Milano contemporanea, itinerari di architettura e urbanistica, Santarcangelo di Romagna 2007, p. 119

Credits

Compilatore: Leoni, Maria Manuela (2014)
Responsabile scientifico testi: Irace, Fulvio