« LombardiaBeniCulturali
Sei in: Opere

Palazzo Mondadori
Segrate (MI)

Indirizzo: Via Mondadori 1 - Segrate (MI) (vedi mappa)

Tipologia: architettura per la residenza, il terziario e i servizi; edificio per uffici

Caratteri costruttivi:

  • strutture: archi parabolici in cemento armato; solai in laterizio armato
  • facciata: curtain-wall in vetro, realizzato accostando due lastre di vetro in colorazioni differenti tra cui è interposta una camera d'aria
  • coperture: piana non praticabile
  • serramenti: in alluminio anodizzato

Cronologia:

  • progettazione: 1967 - 1970
  • esecuzione: 1970 - 1975
  • data di riferimento: 1967 - 1975

Committenza: Mondadori Spa

Autori:

Uso: ufficio

Condizione giuridica: proprietà privata

Descrizione

Lo straordinario edificio, costruito come sede di rappresentanza della casa editrice Mondadori, sorge nel Comune di Segrate, isolato in un'area che all'epoca era in gran parte utilizzata a scopi agricoli ma già servita da importanti vie di comunicazione. Il volume principale - inserito in un parco progettato da Pietro Porcinai - è una scatola di vetro strutturalmente sospesa a un ordine gigante di portali ad arco parabolico, che oltre a reggere la struttura determina l'immagine dell'edificio. Ai portali, in cemento armato e ripetuti lungo le facciate con un ritmo variabile, sono ancorate le travi d'acciaio che portano il peso dei cinque piani, destinati agli uffici, che sembrano galleggiare nel vuoto. Il curtain wall che chiude gli spazi per il lavoro è poi costituito da due diverse lastre di vetro: quella esterna è in color bronzo, quella interna in vetro extrachiaro. Tra le due è interposta una camera d'aria che consente di ridurre le dispersioni termiche. Al corpo principale si contrappongono volume minori, destinati a funzioni secondarie, sviluppati in senso orizzontale attraverso forme astratte che emergono dalle acque di uno specchio che assolve anche a funzioni pratiche quali la raccolta delle acque provenienti dal sistema di condizionamento degli uffici open space, che sono modulati da pareti mobili. Dal lago artificiale emerge, infine, una scultura gigante di Arnaldo Pomodoro conosciuta con il nome di "Colonna dai grandi fogli".

Notizie storiche

L'edificio, uno dei pochi ad essere stati progettati da architetti stranieri di fama internazionale, fu disegnato da Niemeyer sul modello del Ministero degli Affari di Brasilia (1962-1964) su esplicita richiesta di Giorgio Mondadori che aveva avuto modo di rimanerne fortemente impressionato. Con il modello brasiliano condivide la scelta di realizzare il portico continuo costituito da archi parabolici e la suddivisione in volumi distinti per forma e funzione. Nel giugno 2007 è stato inaugurato un ampliamento della sede Mondadori, che ha comportato la completa ristrutturazione della vicina Cascina Tregarezzo con l'aggiunta di due nuovi corpi di fabbrica, a chiusura dell'originaria corte (progetto di Werner Tscholl).

Opere d'arte

  • scultura: Colonna dei grandi fogli (laghetto artificiale)
    autore: Pomodoro Arnaldo