« LombardiaBeniCulturali
Sei in: Opere

Edificio polifunzionale Duse
Bergamo (BG)

Indirizzo: Via Daniele Piccinini 2 - Bergamo (BG) (vedi mappa)

Tipologia: architettura per la residenza, il terziario e i servizi; edificio per abitazioni, negozi e uffici

Caratteri costruttivi:

  • strutture: travi, parete e pilastri in cemento armato
  • facciata: pannelli prefabbricati in metallo e vetro; cemento armato a vista
  • coperture: piana, parzialmente a terrazza; a falde
  • serramenti: in ferro, appositamente prodotti dalla ditta Secco di Venezia

Cronologia:

  • progettazione: 1968 - 1971
  • esecuzione: 1969 - 1971
  • data di riferimento: 1968 - 1971

Committenza: Società Cattolica Assicurazione di Verona

Autori:

Uso: abitazione/ negozio/ ufficio

Condizione giuridica: proprietà privata

Descrizione

Il complesso "Duse" è un edificio a destinazione mista, il cui progetto prevedeva la realizzazione di uffici, servizi, negozi e parcheggi articolati intorno a una rete di percorsi su più livelli, che vanno dalla balconata pedonale rivolta al giardino, alla galleria che distribuisce l'ingresso principale del complesso, fino alla doppia rampa che conduce al parking coperto e alla sala cinematografica, ricavati nella porzione terminale del blocco affacciato su via Piccinini. E' costituito da un articolato gioco di volumi principalmente curvi che ruotano attorno a un asse centrale e che sono stratificati in funzione delle originarie destinazioni d'uso: il basamento è occupato da attività commerciali su un solo livello, al quale si poggia il primo piano per uffici; seguono un livello vuoto, che accoglie il parcheggio, e poi gli ultimi due piani, occupati il primo ancora da uffici - in un blocco che ripropone i caratteri della porzione curva sottostante - e il secondo frastagliato in minuscole cellule, definite dai progettisti "alloggi-ateliers". "Vertiginoso exploit neoimpressionista che sconvolge i piani di lettura storica della città" (Irace, 1997, p. 259) il complesso è anche un ardito esperimento costruttivo e tecnologico, che adotta un sistema portante a travi-parete e pilastri in cemento armato a cui si agganciano pannelli di tamponamento prefabbricati in metallo e vetro. L'edificio rientra in un comparto urbano parzialmente vincolato ai sensi del D.L. 42/2004.

Notizie storiche

L'edificio sorge su un lotto precedentemente occupato da costruzioni novecentesche - tra le quali la sala teatrale dedicata a Eleonora Duse, da cui il nuovo complesso prende il nome - che furono demolite nel quadro di un piano di riordino urbano facente capo al neoclassico Palazzo Frizzoni (oggi sede di numerosi uffici comunali), ideato per portare a compimento l'isolato a cavallo tra via Garibaldi e il Sentierone. Ha subito un intervento di manutenzione straordinaria, attuato tra il 2005 e il 2006, che ha riguardato le parti comuni e comportato la sostituzione di alcuni dei materiali di facciata.

Bibliografia

Controspazio, E' del poeta il fin la meraviglia, Bari 1971, n. 10-11

Casabella, Eclettismo di gruppo, Milano 1972, n. 361

Domus, Primo itinerario Domus dell'architettura italiana 1900-1971, Milano 1972, n. 506

Werk, 1972, n. 10

Bouw, Rotterdam 1973, n. 27-28

L'Architecture d'aujourd'hui, Boulogne-sur-Seine 1973, n. 169

Sartogo P., The apartment buiding. Report on italian architecture and the modern movement, Tokyo 1973

Dewitt D.J., Guide to modern architecture in Europe (1850-1970), Chicago 1973

Ravanelli R., Ritratto di Bergamo, Brescia 1973

Procos D., Mixed land use. From revival to innovation, Halifax 1975

Zanella V., Bergamo città, Bergamo 1977

Mackay D., Multiple family housing, Stuttgart 1977

Domus, Nuovo itinerario Domus dell'architettura italiana 1971-1981, Milano 1981

Barbero W., Bergamo, Milano 1984

Pinna E., Gambirasio, Genova 1987

Fumagalli A., Le dieci Bergamo, Bergamo 1993

Bertelli G./ Brambilla M./ Invernizzi M., Bergamo. Cent'anni d'architettura 1890-1990, Bergamo 1994, pp. 136-137

Basilico G., Attraversare Bergamo, Bergamo 1998

Spagnolo R., Arte a Bergamo 1960-1969, Verso un'architettura della città, Bergamo 2002, pp. 99-132

Credits

Compilatore: Leoni, Maria Manuela (2015)
Responsabile scientifico testi: Irace, Fulvio