Lombardia Beni Culturali
2

Libellus (pagina libelli)

1040 marzo, Maderno.

Olderico, vescovo di Brescia, dà a titolo di livello ventinovennale a Burningo del luogo di Sittemaga, nella pieve di Toscolano, un appezzamento di terra coltivata a orto, di proprietà della chiesa di S. Pietro <in Monte> , sito nella stessa pieve, nel vicus di Roina, di cinque tavole, con l'obbligo di corrispondere annualmente, all'Epifania, ai presbiteri e ai chierici della stessa chiesa il fitto di dieci libbre di olio, calcolato ad maiora stateria di Maderno.

Originale, ASVat, FV, I, 2605 (SPM, 4) [A]. Nel verso, di mano coeva: Libell[o] Borningo de Tusculan[o]; di mano forse del sec. XIII: Vico R[o]dina; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 1400 (così) maii.

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, pp. 207-8, n. 2.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 176; CASTAGNETTI, Le comunità della regione gardense, pp. 92, 112 (nota 338); VARANINI, L'olivicoltura, p. 152 (nota 62); MENANT, Campagnes, pp. 134 (nota 369), 136 (nota 375), 159 (note 474, 475), 161 (nota 482), 413 (nota 62, alla data 1050).

La pergamena, oltre a macchie diffuse provocate dall'umidità, presenta una lacerazione e modeste rosicature nella parte superiore. L'impiego dello stile dell'incarnazione pisana e dell'indizione di settembre da parte del notaio Gariardus (cf. Introduzione, pp. LIII-LIV, nota 166) costringe a datare il documento tra l'1 e il 24 marzo del 1040.

(SN) Placuit adque convenit inter domnus Audelricus, episcopus | Sancte Brisiane eclexie (1), necnon inter Burningo, filius | quondam *****, de plebe (a) Tuscullano, locus Sittemaga, ut in Dei nomine | debeant dare, sicut a presenti dedit ipse domnus Audelricus episcopus | eidem Burningi ad ficto censum redendum libellario nomine usque | ad annos viginti novem expletos it est pecia una de terra ortiva | iuris [e]clexia Sancti Petri, que est poxita in eadem plebe, vico | Rodina, est per mensura iusta tabul(a)s quinque; coerit ei: a mane | et meridie Iohanni, a sera item Iohanni, a montis Penzo. Ea ratjone ut|ti amodo ipse Burningo et suos ehredes usque in ix viginti no|vem annos expletos predicta pecia de terra ortiva sicut supra l(egitur), inintegrum, | abere et laborare, et faciant de fruges et reditum quod de ipsa pecia de | terra ortiva anue Dominus dederit quiquit voluerit, ita ut per eis melioren|tur, nam non pegiorentur, et persolvere exinde debeant singo|lis annis per omnes Pasqua Domini que dicitur Pifania olleum | bonum, ad maiora stateria de plebe Materno, libras decem, dato | ec fictum per te ipse Burningo suisque ehredes in eodem loco Materno | ad presbiteri et clerici qui nunc et pro te(m)pore in eadem eclexia Sancti Pe|tri ordinati fuerint vel suorum misi; alia superinpoxita ei non | fiad. Pena vero inter se posuerunt ut quis ex ipsis aut subceso|res vel clerici eiusdem eclexie vel ehredes eidem Burningi non con|pleverint omnia (b) qualiter superius l(egitur), vel si tollere aut relaxare volu|erint ante s(upra)s(crip)tis annis expletis, ut tunc conponat pars | parti fidem servandi ille qui in culpa ceciderit pena argen|tum denarios bonos sol(id)os viginti. Unde due paina libelli uno | tinore scripte sunt. Actum in s(upra)s(crip)ta plebe Materno. Feliciter. Anni | ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi mille quadrageximo, | mense marcius, inditjone octava.
Signum + manu s(upra)s(crip)to Burningi qui oc libello fieri rogavi ut supra (c).
Signum +++ manibus Ariprandi et Alberti seu Vualfredi (d) test|tes.
(SN) Ego Gariardus notarius sacri palacii rogatus scripsi, postra|dito conplevi et dedi.


(a) A ple.
(b) omnia con segno abbr. su -nia (tratto orizzontale) superfluo.
(c) -vi ut sup(ra) su rasura.
(d) -di corr. da altra lettera, come pare.

(1) Cf. doc. 1, nota 3.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS