Lombardia Beni Culturali
58

Breve investiture

1136 marzo, Nuvolento.

Ottone del fu Gandolfo, di Brescia, dà in investitura a Giovanni <de Burnado> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, tutta la decima - spettantegli a titolo di feudo - di un appezzamento di terra vitata con sedime, sito in Nuvolento, in luogo detto Sumvico, al fitto annuo di una candela di una spanna da corrispondere, su richiesta, alle calende di marzo oppure otto giorni prima o dopo, ricevendo per l'investitura venti soldi di denari milanesi.

Originale, ASVat, FV, I, 2643 (SPM, 42) [A]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), c. 48r [C]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), pp. 82-3 [D]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), p. 62 [E]. Nel verso di A, di mano coeva: Carta Nubulenti; segnatura del sec. XVI: 8 (corr. da 7), 1136 martii.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 184; BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 229, alla data 1136 marzo 4); MENANT, Campagnes, pp. 763 (nota 363), 773 (nota 402); ARCHETTI, Tempus vindemie, p. 255 (nota 81).

Come già nel documento che precede (1134 agosto) il notaio Giovanni indica anche qui il giorno della settimana (mercoledì), ma non quello del mese. Il calendario ci dice che nel marzo del 1136 il mercoledì cadeva nei seguenti giorni: 4, 11, 18, 25.

(SN) Die mercurii qui est de mense marcii. In loco Nuvolenti. Presen|cia bonorum hominum nomina quorum subter leguntur, per lignum et | cartula quod in sua tenebat manu, Oddo, filius quondam Gandulfi, de civi|tate Brixia, investivit Ioh(anne)s abas de monesterio Sancti Petri qui di|citur Munte, nominative de tota illa decima quam ipse Oddo tene|bat et abebat per feudum de pecia una de terra vithata et cum sedimine | que iacet predicta pecia in loco Nuvolenti, ubi dicitur Su(m)vico; coeret | ei: a mane filii Girardi Moroni, a meridie fluvio Rothoni, a ser(o) Dotho, | a muntis via, sibique allie s(un)t coerentes; et accepit ipse Oddo ab eodem | abate sol(idos) viginti denariorum bonorum Mediolanensium pro ipse (a) decima. | Eo videlicet modo fecit hanc investituram ut predictus Ioh(anne)s abas et | suos succesores, aut cui ipsi dederint, abeant et teneant et po|sideant s(upra)s(crip)ta decima perpetualiter et faciant ex ea quicquid eis fue|rit oportunum (b), et persolvere exinde debent singulis annis in chalen|dis marcii, octo dies antea vel octo postea, gandela una de spanna s(upra)s(crip)to | Oddo vel suos ehredes, si quesierint; si autem non quesierint, nulla culpa sit, | per misum monesteri vel suos succesores; et si quesierint et non solverint | s(upra)s(crip)tu (c) fictum predictum terminum, tunc ipsi debent hoc fictum eis in duplum cu(m)ponere, | breve manente in sua firmitate; allia superimpositam ei non fiat. | Et spopundit s(upra)s(crip)to Oddo, per se et per suos ehredes, s(upra)s(crip)to Ioh(anne)s abas vel suos succe|sores ut si fecerint alliquam controversiam de s(upra)s(crip)ta decima, debent | cu(m)ponere qunquainta (d) sol(idos) nomine pene, breve manente in suo robore. | Et promisit defendere et vuarentare ab homni homine. Anno ab incar|nacione domini nostri Iesu Cristi millesimo centesimo trigesimo sexsto, indic(tione)| quarta decima. Ibi fuerunt Berizo de Nuvolaria et Vualdo de Bri|xia seu Vuido atque Martino de Concillo et Albertono et Ioh(anne)s et plures | allii.
(SN) Ego Ioh(anne)s notarius rogatus scripsis et interfui.


(a) Così A.
(b) L'ultima u corr. da altra lettera.
(c) Così A.
(d) Così A.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS