Lombardia Beni Culturali
70

Breve investiture

1157 aprile 15, Brescia.

Raimondo, vescovo di Brescia, investe in perpetuo Benedetto, abate del monastero di S. Pietro in Monte, di tutto ciò che la domus del fu Guazone de Agnoseno teneva a titolo di feudo o a qualsiasi altro titolo da parte dell'episcopato di Brescia nella curtis e nel territorio di Vallio, al fitto annuo di una libbra di cera da corrispondere alla festa della Madonna di mezz'agosto oppure otto giorni prima o dopo, ricevendo per l'investitura quattordici lire di denari milanesi d'argento di vecchia moneta.

Originale, ASVat, FV, I, 2656 (SPM, 55) [A]. Nel verso, di mano coeva: Car(ta) de Vall(is) de (d(e) nel sopralineo) sorte Wazonis de Agnosceni; di due mani del sec. XIV: Investitura de quodam feudo de Valibus ab episcopo Brix(ie), Carte feudo (così) de Valibus et de (segue alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di circa sette lettere); di mano forse del sec. XV: Investitura facta per d(ominum) episcopum Brixie in abbatem Sancti Petri in Monte de feudo; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 7, 1157 15 aprilis.

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, pp. 223-4, n. 12.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 180; BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 226); MENANT, Le monastère de S. Giulia, p. 127 (nota 11); MENANT, Campagnes, p. 770 (nota 391).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta soltanto alcune macchie circoscritte nella parte superiore. L'intervento, quale autore, del vescovo di Brescia (la sua sottoscrizione è autografa) influenza l'aspetto formale del documento, vergato da Giovanni de Monterotundo, giudice dell'imperatore Federico I: l'elegante minuscola di impianto cancelleresco è armonicamente disposta nello specchio, in rigorosa adesione alla precedente rigatura a secco, comprensiva anche delle linee verticali. Cf. anche Introduzione, p. LII e tav. 11.

(S) Die lune quinto decimo die mensis aprilis. In civitate Brixia, in ecclesia Sancte Marie de Sollario de monasterio Sanctorum Cosme et | Dalmiani. Presentia horum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum quod sua tenebat manu d(omi)nus Raimundus (a), Dei gr(ati)a Brixien|sis episcopus (1), investivit d(omi)num Benedictum abatem, missum et officialem monasterii Sancti Petri de Monte, vice ia(m)dicti monasterii, nominati|ve de toto hoc inintegrum quod domus quondam Guazonis de Agnoseno et sui antecessores tenebant vel tenuerunt per feodum vel qualicu(m)que modo ab episcopatu Brixie | in loco et in curte Vall(is) et in eius territorio, tam in monte quam in plano atque in vall(e), ex omnibus inintegrum. Eo videlicet modo fecit hanc investituram ut | deinde officiales ia(m)dicti monasterii, qui modo sunt ibi vel pro t(em)pore fuerint, aut cui ipsi dederint predictum aquistum perpetualiter habere et tenere debent | et ex eo quicquid eis oportunum fuerit facere et quicquid volluerint, sine contradiccione predicti d(omi)ni episcopi suorumque successorum, et persolvere | exinde debent singulis annis in festivitate sancte Marie de medio aucgusto, octo diebus antea vel octo postea aut in ipsa die, sine occasione, li|bram unam de cera, dato et consignato predicto ficto et censo per se ipsos officiales ia(m)dicti monasterii, qui modo sunt ibi vel pro t(em)pore fuerint vel eorum | missi aut per eos cui ipsi dederint, ia(m)dicto d(omi)no episcopo eiusque successori vel suo misso ad ia(m)dictum terminum, ut dictum est; alia superi(m)posita de iam|dicta terra et tenuta et aquisicione eis fieri non debent alico modo; quod si ia(m)dictus d(omi)nus episcopus vel sui successores aut ulla aposita persona deinde agere | aut causare presu(m)pserit adversus ia(m)dictos officiales ia(m)dicti monasterii, qui modo sunt ibi vel pro t(em)pore fuerint, aut cui ipsi dederint | predictam terram et tenutam et aquisicionem, vel si aparuerit ullum datum aut factum vel quodlibet scriptum, quod in alteram partem | dedisset aut fecisset et clarum factum fuerit, et ab omni homine non defensaverit, tunc obligavit se suosque successores co(m)ponere, | pene nomine, dupli querimonie et insuper (b) penam argenti denariorum bonorum Mediolanensium veteris monete libras | triginta, et post penam sollutam predicto pacto stare. Et quidem sponpondit atque promisit se ia(m)dictus d(omi)nus episcopus et sui suc|cessores ia(m)dictam terram et tenutam et aquisicionem ia(m)dictis officialibus (c) ia(m)dicti monasterii, qui modo sunt ibi vel pro t(em)pore fu|erint, aut cui ipsi dederint, ab omni homine defensare; quod si defendere non potuerint aut si iis (d) exinde aliquid per quodvis ingenium subtrahe|re quesierint, tunc in duplum ea(n)dem terram et tenutam et acquisicionem eis restituere promittimus sicut pro t(em)pore fuerit melliorata aut va|luerit sub extimacione in consimili loco, inconvulsa stipulacione subnixa. Et ob hanc investituram et datum et concessionem | professus est se ia(m)dictus d(omi)nus episcopus accepisse a ia(m)dicto (e) d(omi)no abate (f), vice ia(m)dicti monasterii, argenti denariorum bonorum Mediolanen|sium veteris monete libras quatuordecim (g). Actum est hoc (h) anno Domini millesimo centesimo quinquagesimo | septimo, indicione quinta. Ibi fuere domnus prepositus Benedictus Sancti Petri in Olliveto et presbiter Albertus Sancti Cosme et presbiter Albertus Sancti Petri de | Monte et do(m)nus Collu(m)banus et Girardus iudex qui dicitur de Burnado et Lafra(n)cus de Niardo (i) et Robacastel de Berzo et Ioh(anne)s de Capriano et | Ioh(anne)s Scantonather et Ioh(anne)s Syna de Nuvolento et Mazull(us) eius nepos et Ottell(us) de Callina et Ballius de Nuvolento et Acerbinus scriptor rogati te|stes (j).
Ego Raymundus episcopus Brixiensis (k) s(ub)s(cripsi) (l).
Ego Ioh(anne)s de Monterotundo iudex d(omi)ni i(m)peratoris Federici (2) interfui et rogatus | hoc breve scripsi.


(a) A Raimud(us) senza segno abbr. per la nasale.
(b) i- corr. da a.
(c) -li- nel sopralineo.
(d) iis da vob(is) mediante trasformazione di v- in ii, aggiunta di -s soprascritta ed espunzione di -ob(is)
(e) -o su rasura.
(f) -e su rasura.
(g) -o- corr. da altra lettera.
(h) Segue Actu depennato.
(i) Meno probabile la lettura Ivardo.
(j) -stes nel sopralineo, con segno di richiamo.
(k) B- corr. dal tratto superiore della seconda s di s(ub)s(cripsi) erroneamente anticipato.
(l) La sottoscrizione, autografa, è completamente su rasura.

(1) Raimondo vescovo di Brescia dal 1153 al 1173: GAMS p. 780; SAVIO, Brescia, p. 229-33.
(2) Federico I Barbarossa.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS