Lombardia Beni Culturali
138

Carta (breve, cartula) investiture

1195 novembre 26, monastero di S. Pietro in Monte.

Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, investe Grimaldino del fu Robacio de loco Kerpeni di dieci appezzamenti di terra siti in loco Kerpeni, che il padre di Grimaldino e Girardo de Beliarda avevano tenuto per conto del monastero, al fitto annuo di ventiquattro denari imperiali o di quattro soldi di mezzani da pagare a s. Martino oppure nell'ottava, con l'obbligo da parte dell'abate di rifocillare colui che porterà il fitto.

Originale, ASVat, FV, I, 2729 (SPM, 128) [A]. Nel verso, di mano coeva: Investitura Gri[maldini] de [Kerpeno]; di altra mano coeva: C(arta) Grimaldi de Cherpen; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 35 (corr. su 33), 1195 5 novembris (il millesimo è mutuato da annotazione di poco anteriore).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta tracce di rigatura a secco.
Il 1195 novembre 26 cade di domenica.

(SN) In Cristi nomine. Anno Domini .MC. nonagesimo quinto, inditione tercia | decima, die mercurii .V. die exunte (a) mense nove(m)bris. Do(n)nus | Albertus, Dei gr(ati)a abas Sancti Petri in Monte (b), fratribus suis consecientibus, in Dei | nomine per lignum quod in sua manu tenebat investivit Grimaldinum, filium condam Robacii, | de loco Kerpeni, nominatim de decem peciis terrarum iuris Sancti Petri, quas pater iamdicti Gri|maldini et Girardus de Beliarda visi sunt habere et tenere a predicto monasterio et que | iacent in loco Kerpeni et in eius pertinencia. Eo vero modo fecit predictus do(n)nus abas predictam in|vestituram de predictis peciis terrarum ut predictus Grimaldinus suisque heredibus i(n) perpetuum | habeant et teneant illas et ex eis (c) quicquid voluerint faciant, preter quod vendere nec alienare | debent eas, retdendo omni anno in festo sancti Martini vel ad hoctavam viginti et qua|tuor denarios imp(erialium) aut quatuor s(olidos) mezanorum nomine ficti predicto do(n) abati vel suo | ssuccessori (d) in predicto monasterio aut suo certo misso, dando comedere uni homini fic|tum deferenti; quo ficto ita designato (e) et soluto ut supra leg(itur), alia superinposita esse nec | fieri debet. Penam vero inter se posuerunt ut quisquis illorum vel suorum heredum seu successorum | respectu monasterii omnia ut (f) superius dicta non atenderint vel non observaverint, tunc cu(m)po|nat pars parti (g) fidem servanti supradictum fictum in duplum, post penam cu(m)positam rato breve | manente. Et insuper predictus do(n)nus abas promisit defendere et vuarentare predictas | pecias terre ab omni persona predicto Grimaldino stipulanti, sub pena dupli tocius sui da(n)|ni. Unde due cartule uno nomine et uno tenore sunt rogate. Actum est hoc | in cella do(n)ni ia(m)dicti abatis. Ibi fuerunt Gigcus et Bellottus de Kerpeno, Ioh(anne)s conver|sus atque Bonushomo similiter conversus tesstes rogati. Ego Ioh(anne)s, auc|toritate d(omi)ni Enrici imperatoris (1) notarius, | interfui, rogatus hanc cartam scripsi.


(a) Così A.
(b) A i Mote con -o- nel sopralineo.
(c) eis da ea mediante correzione di -s su a e aggiunta di -i- nel sopralineo.
(d) Così A.
(e) -n- nel sopralineo.
(f) A uit con -i- espunta.
(g) A parti(m).

(1) Enrico VI.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS