Borgo di Limone sul Garda

Limone sul Garda (BS)

Indirizzo: Limone sul Garda (BS)

Tipologia generale: borghi e centri storici

Tipologia specifica: borgo

Descrizione

Il borgo di Limone sul Garda si sviluppa all'interno di una piccola insenatura riparata a nord dal Dosso dei Roveri e si caratterizza per la presenza di uliveti, grandi cedraie e limonaie abbandonate, oggetto negli ultimi anni di progetti di restauro e ripristino delle antiche attività di coltivazione come la "Limonaia del Castel", nel cuore del paese, e quella "del Prà de la Fam", presso il porto di Tignale, tra le rocce a picco sul lago.
Caratteristico è inoltre il centro storico raggiungibile percorrendo il lungolago sul quale si affacciano alberghi e strutture ricettive. Interessante dal punto di vista storico-artistico è la chiesa parrocchiale del XVII secolo, intitolata a San Benedetto Confessore ad aula unica e riccamente decorata all'interno, nella quale si conservano due tele di Andrea Celesti (1637-1712) e una Deposizione di scuola bresciana datata 1543. Altro gioiello nascosto del borgo di Limone, al termine di una piccola scalinata che costeggia le case, è la piccola chiesa dedicata a San Rocco, sul Lungolago Marconi, edificata nel XVI secolo. La facciata è semplice e poco decorata, l'interno è arricchito da un interessante affresco dai colori vivaci che occupa tutta la parete di fondo, raffigurante la Madonna tra i Santi Rocco e Sebastiano, e da una Annunciazione ai lati dell'apertura dell'abside. Da segnalare anche l'esistenza di un Museo del Turismo, allestito all'interno dell'ex-palazzo Comunale, con lo scopo di tramandare nel tempo la nascita e lo sviluppo del turismo a Limone. A completare il percorso espositivo, una sezione è dedicata alla scoperta dell'"apoproteina A1 Milano", un unicum riscontrato in una parte dei cittadini di Limone e oggetto di studi e approfondimenti scientifici.

Notizie storiche

Fino agli anni Trenta Limone sul Garda, prima della costruzione della strada gardesana, era raggiungibile solo dal lago o attraverso le montagne. L'isolamento forzato aveva condizionato l'economia del borgo basata essenzialmente sulla pesca e la coltivazione di olivi e limoni. La coltivazione degli agrumi dalla riviera genovese giunse sulle sponde del Garda nel corso del Duecento, forse ad opera dei frati del convento di San Francesco di Gargnano. A partire dal Seicento, per proteggere piante e frutti dai freddi invernali, furono costruite le prime limonaie dotate di muraglie, pilastri e travi su cui, da novembre a marzo, si fissavano assi e vetrate. La coltivazione degli agrumi ebbe un forte sviluppo durante la prima metà del Settecento, soprattutto grazie agli investimenti della famiglia Bettoni, tanto che i limoni venivano esportati in Germania, in Polonia, in Russia. I primi segnali di crisi di questa attività si manifestarono però nel secondo Ottocento anche a causa della concorrenza, a seguito dell'unificazione d'Italia, degli agrumi delle regioni meridionali. Collegata a partire dal 1932 con gli altri paesi della riviera, nell'immediato dopoguerra, grazie all'afflusso dei primi turisti provenienti dal nord Europa, Limone cominciò a cambiare volto e a trasformarsi progressivamente in un fiorente centro turistico, uno dei più vivaci del Lago di Garda. All'inizio degli anni Duemila, a Limone sono stati avviati alcuni importanti progetti di restauro e valorizzazione delle antiche limonaie abbandonate. Nel 2004 l'amministrazione comunale ha acquistato la Limonaia del Castel e ne ha promosso il restauro, provvedendo anche alla piantumazione degli alberi di limoni, cedri, pompelmi, mandaranci, chinotti e clementine. Con un progetto analogo, promosso in questo caso dalla Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano, è stata recuperata una delle limonaie più monumentali giunte fino a noi, la "Limonaia del Prà de la Fam". Qui oltre al restauro delle strutture sono state impiantate nel rispetto delle tecniche storiche di coltivazione, piante di limoni, e alcuni esemplari di mandarino e bergamotto.

Credits

Compilazione: Marino, Nadia (2016)

Descrizione e notizie storiche: Nava, Valentina

Fotografie: Marino, Nadia

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).